fbpx

Obbligazioni inflation-linked durante un aumento dei tassi: opportunità e rischi!

obbligazioni-inflation-linkedTra i vari tipi di titoli obbligazionari uno dei più interessanti sono senza dubbio le obbligazioni inflation-linked. Si tratta di titoli obbligazionari che hanno capitale e cedole che si rivalutano in base all’andamento dell’inflazione. Sono quindi titoli a tasso variabile, dove la “variabilità” è legata al tasso di inflazione.

Cosa puoi aspettarti da questo genere di obbligazioni in un periodo in cui i tassi salgono?

Obbligazioni inflation-linked quando i tassi salgono

Le obbligazioni inflation-linked hanno un rendimento composto da due elementi. Il primo è una componente variabile, legata, appunto, all’inflazione, mentre la seconda è una componente fissa

Naturalmente, mentre la parte variabile può aggiustarsi, quella fissa non cambia e, risente di eventuali aumenti dei tassi. Essendo però questa componente secondaria rispetto a quella variabile, l’esposizione all’aumento dei rendimenti è molto inferiore rispetto alle normali obbligazioni a tasso fisso.

Questa differenza la si ritrova anche guardando i rendimenti degli ETF obbligazionari.

Nell’ultimo anno, l’ETF Ishares Eu Govt Bond 7-10y (ISIN: IE00B3VTN290) ha perso circa 2 punti percentuali, mentre nello stesso periodo il Lyxor EuroMTS Inflation (ISIN: FR0010174292) è rimasto stabile. Quindi ben due punti percentuali di differenza in un periodo dove i tassi sono saliti a livello europeo e mondiale. La differenza, come vedi, c’è.

Quale è il vero rischio delle obbligazioni inflation-linked

Anche se normalmente le obbligazioni inflation-linked battono i titoli a tasso fisso quando i rendimenti salgono, c’è uno scenario dove questo potrebbe non avvenire.

Infatti, se i tassi di interesse salgono, mentre l’inflazione resta ferma o sale meno dei tassi, allora i titoli inflation potrebbero fare peggio delle normali obbligazioni a tasso fisso.

In pratica, il vero nemico di questo tipo di obbligazioni non è tanto l’aumento dei tassi in se, bensì l’aumento dei tassi di interesse reali. Questo avviene se i tassi salgono più di quanto non salga l’inflazione. Viceversa, quando i tassi reali si riducono allora questo è un buon investimento.

Attualmente, l’inflazione si sta portando di nuovo vicino al 2% in Europa da una situazione di quasi deflazione nel 2016, mentre i tassi di interesse, pur salendo, sembra che si stiano muovendo meno dell’inflazione (il decennale tedesco è ancora sotto l’1% di rendimento).

Quindi, attualmente questo genere di obbligazioni è un buon investimento per il tuo portafoglio obbligazionario. Tuttavia, presta attenzione a quando le cose cambieranno e i tassi inizieranno a salire più rapidamente dell’inflazione.

Buon investimento.

P.S.: per imparare a gestire la componente obbligazionaria all’interno del tuo portafoglio complessivo, iscriviti al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART, dove troverai consigli e suggerimenti per diventare un investitore migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.