Rischi 2018 per i tuoi investimenti

rischi 2018 per i tuoi investimenti 2

Nell’ultimo post ho passato in rassegna le principali idee di investimento per il nuovo anno. Ma quali sono i rischi 2018 per i tuoi investimenti? Ci sono elementi che potrebbero peggiorare il quadro generale e penalizzare i mercati?

Sì, chiaramente ci sono. Io sono convinto che il 2018 sarà un altro anno positivo per i mercati azionari, tuttavia nulla toglie che il quadro generale potrebbe cambiare anche rapidamente.

Oggi ti dirò quali sono i rischi principali.

Rischi 2018 per i tuoi investimenti: Banche Centrali, tecnologia e bitcoin

Le Banche Centrali rappresentano la prima minaccia.

Come ho scritto più volte, i rialzi dei mercati finanziari dal 2009 ad oggi hanno avuto come primo “propellente” le grandi iniezioni di liquidità della Banche Centrali. Prima la FED, poi le altre come la Bank of Japan e la BCE.

Cosa succederà se i banchieri centrali inizieranno a ridurre la liquidità? La FED ha già iniziato ad alzare i tassi e la BCE ha dichiarato che procederà, in modo prudente, a ridurre gli stimoli monetari.

Il rischio è che le  Banche Centrali possano drenare la liquidità troppo rapidamente, andando a minare la ripresa economica. Al momento questo scenario non sembra molto probabile, ma bisogna comunque tener conto di questo rischio.

Un’azione troppo incisiva potrebbe danneggiare il mercato delle obbligazioni, già di per se piuttosto a rischio. E di conseguenza, questo potrebbe finire per contagiare anche gli altri mercati finanziari.

Un altro rischio può riguardare il comparto tecnologico. Questo settore è stato uno dei protagonisti di questi anni e sicuramente è quello che sta trainando la crescita economica. La Borsa sta premiando le maggiori aziende del settore.

Tuttavia, un settore in forte crescita può invertire rapidamente se le attese non saranno mantenute. E in questo caso c’è il rischio che possa trascinare anche tutte le Borse.

A questo punto devo parlarti un momento del bitcoin.

Rischi 2018 per i tuoi investimenti: uno dei maggiori è il bitcoin e le criptovalute

Il bitcoin e molte altre criptovalute sono stati tra i migliori asset dell’anno. Il bitcoin, la criptovaluta principe, ha moltiplicato il suo valore per 15 nel solo 2017. Molte altre criptovalute hanno avuto performance anche migliori.

Il volume di denaro allocato in bitcoin e criptovalute è ancora molto basso e inoltre le attese sono ancora positive.

Ma se le cose dovessero cambiare? Sicuramente questo mondo ne uscirebbe male e anche i capitali oggi allocati su questo settore verrebbero distrutti. L’effetto potrebbe contagiare anche altri asset rischiosi per via di una riduzione della propensione al rischio.

Il 2018 potrebbe essere ancora prematuro, però teniamo gli occhi bene aperti. C’è infatti da dire che negli ultimi mesi a fronte di un forte movimento su bitcoin ci sono state molte criptovalute inorei che hanno subito dei ribassi.

Macroeconomia e geopolitica, quali rischi 2018 per i tuoi investimenti?

Attualmente non vedo grandi rischi da macroeconomia e geopolitica.

L’effetto Trump sembra essere stato ben assorbito (addirittura ben accolto dai mercati), la Brexit anche. In Europa i movimenti anti-Europa sono ancora forti, ma nel 2017 hanno subito diverse sconfitte (in particolare al Le Pen in Francia). Quindi i mercati su questo fronte dovrebbero essere tranquilli.

La crescita economica dovrebbe restare buona, soprattutto ora che anche l’Europa sembra essersi svegliata. L’inflazione, per contro, sembra sotto controllo, grazie ai forti aumenti della produttività e al basso costo dell’energia.

Concludendo, ci sono 3 rischi veri per i mercati finanziari. Le Banche Centrali/mercato obbligazionario, il settore tecnologico e quello delle criptovalute.

In generale, però, non credo siano tali da poter generare una vera inversione di lungo termine sulle azioni e mi aspetto un 2018 ugualmente positivo.

Come sempre, le nostre strategie ci proteggeranno comunque se le cose dovessero cambiare.

Buon investimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.