Il rendimento dei conti deposito ti suggerisce di non avere troppa liquidità

Il rendimento dei conti deposito è a livelli bassissimi, come forse non si era mai visto. Se fate una ricerca in questo preciso momento, una delle proposte migliori che potete trovare paga un rendimento dell’1,60% lordo. Diverse banche offrono tassi intorno all’1,40% o all’1,20%, mentre molte sono sotto l’1%.

E questi rendimenti si riferiscono a depositi vincolati per almeno 6 mesi. Se vincolate di più potete trovare qualcosa di meglio, ma se scendete trovate molto meno. Infine, per depositi non vincolati i rendimenti sono veramente esigui.

Il rendimento dei conti deposito ti dice che ora non è il momento di essere liquidi

Storicamente la liquidità è un investimento i cui rendimenti non sono competitivi con azioni e bond. Nella storia dei mercati sono stati pochissimi gli anni in cui un deposito a breve ha reso più dell’indice azionario e dei bond a 5 o 10 anni.

In USA, quando questo è successo, la liquidità pagava poi rendimenti sempre superiori al 4%. Quando il rendimento della liquidità era sotto questo livello, quasi sempre è stato un investimento perdente rispetto ad azioni e bond.

Se poi non si guarda il singolo anno, ma un’orizzonte di 5 anni o più, è quasi impossibile trovare rendimenti superiori all’azionario o ai bond.

Questo non deve stupire. Il rendimento delle diverse classi di investimento è correlato con la volatilità della classe stessa. Poiché la liquidità praticamente non ha volatilità, è chiaro che tendenzialmente renderà meno di tutti gli altri investimenti.

Ovviamente ci sono momenti in cui stare molto liquidi ha un senso. Generalmente, se ricorrono queste condizioni, allora stare liquidi può essere una scelta saggia:

1 – La liquidità paga comunque un buon interesse (vicino al 4% o superiore)

2 – Le azioni sono ai massimi, sono estremamente care e tutti stanno investendo in azioni

3 – Le obbligazioni pagano rendimenti molto bassi

Di queste tre condizioni, attualmente solo l’ultima è verificata. Per quando riguarda le azioni, sì, sono ai massimi, ma questi sono stati superati solo di recente è la maggior parte degli investitori è ancora fuori o poco esposta all’investimento azionario.

Rendimento dei conti deposito ai minimi: cosa fare?

So che magari anche tu stai tenendo liquidità in attesa di una prossima correzione, per sfruttare prezzi più bassi. Tuttavia, prevedere una correzione è tutt’altro che facile, molti aspettano anni e alla fine comprano comunque a prezzi più alti rispetto a quelli a cui avrebbero potuto comprare all’inizio.

Io sono profondamente convinto che si può fare molto meglio di così!

Questo è un buon momento per acquisire un’ottica di lungo termine ed iniziare ad accumulare investimenti azionari ben diversificati. Le azioni americane stanno andando bene, i mercati emergenti sono recentemente usciti da un pantano che durava da anni e possono impennarsi, anche le azioni europee stanno provando ad uscire dalle difficoltà e potenzialmente possono essere le prossime vincitrici.

Con calma e pazienza, degli investimenti su questi comparti possono rendere molto di più che non tenere i soldi su un conto deposito.

Buon investimento.

P.S.: scopri come migliorare i tuoi investimenti e iscrivit subito al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.