Indice MSCI emerging markets, come investire nei mercati emergenti

indice MSCI emerging markets

L’indice MSCI Emerging Markets è sicuramente uno dei migliori modi per investire sui mercati emergenti.

Questo comparto sta assumento un’importanza sempre maggiore. Basti pensare al maggior peso di India, America Latina, Asia e, soprattutto, Cina, nell’economia mondiale e come dimensione dei mercati finanziari.

Tuttavia, accedere a questi singoli mercati non è affatto facile. Per questo un ETF che investa in un indice emergente generale è sicuramente una soluzione più facile per replicare questo comparto.

E tra i vari indici emergenti, l’MSCI Emerging Markets è sicuramente la scelta migliore.

Indice MSCI Emerging Markets composizione

Come è composto questo indice?

Beh, si tratta di un indice dove la Cina è preponderante. Infatti, il grande Paese asiatico pesa per il 31% del totale. A seguire, troviamo la Corea del Sud con un peso del 14%, Taiwan con un peso del 10,66%, l’India l’8,47%. L’Asia, quindi, ha il peso maggiore. Il primo Paese non asiatico si trova al quinto posto ed è il Brasile, con un peso dell’8,04%.

Per quanto riguarda i settori, il comparto finanziario è il principale con un peso del 24,84%. A seguire, l’IT, i servizi di comunicazione, i beni di consumo, l’energia e le materie prime.

Per quanto riguarda i singoli titoli, i più “pesanti” sono Tencent (4,82%), Alibaba, Samsung e Taiwan Semiconductor. L’indice MSCI Emerging Markets è comunque ben diversificato, poiché i primi 10 titoli hanno un peso di solo il 24%.

Il miglior ETF sull’MSCI Emerging Markets

Come investire su questo indice?

Beh, sulla nostra Borsa sono quotati 12 ETF su questo indice, quindi c’è l’imbarazzo della scelta.

Oggi ti indicherò quali sono i 3 ETF migliori tenendo conto di tre elementi che sono determinanti nella scelta degli ETF:

  1. Costi di gestione
  2. ETF ad accumulazione da preferire rispetto a quelli a distribuzione
  3. ETF a replica fisica da preferire a quelli a replica sintetica
  4. Una certa dimensione dell’ETF

L’ETF perfetto non esiste, ma considerando il mix di questi elemnti ecco di seguito i 3 migliori ETF MSCI Emerging Markets Index.

  1. Amundi MSCI Emerging Markets (ISIN: LU1681045370): è l’ETF più economico (0,20% di costo annuo), è ad accumulazione e con una dimensione di 3,27 miliardi di euro è il secondo per dimensione tra i quotati in Italia. L’unico aspetto negativo è che è a replica sintetica. E’ anche l’ETF che nell’ultimo anno ha avuto il rendimento migliore.
  2. Xtrackers MSCI Emerging Markets (ISIN: IE00BTJRMP35): il costo annuo dello 0,20% è pari all’ETF precedente, è un ETF ad accumulazione e l’indice è replicato in modo fisico (ma con campione ottimizzato). E’ però più sottile del precedente, con un valore del fondo di 1,2 miliardi di euro, comunque piuttosto elevato.
  3. Ishares MSCI Emerging Markets (ISIN: IE00B0M63177): l’ETF è il più “vecchio” tra gli emerging markets ed è quello con la maggiore dimensione, con un controvalore del fondo superiore ai 4 miliardi di euro. La replica è fisica, ma l’ETF è a distribuzione e il costo annuo è dello 0,75%.

Ce ne sono poi altri molto buoni e comunque convenienti, però questi tre sono quelli con il mix migliore.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.