fbpx

Dove investire in Borsa con gli USA sotto la presidenza Trump

Con la vittoria del presidente Trump è in atto un vero e proprio riposizionamento sui mercati finanziari e il punto fondamentale è dove investire in Borsa in questo momento.

Infatti, tra classi di investimento e settori ci sono sicuramente vincitori e perdenti di questa elezione ed è probabile che alcune differenze permarranno durante il mandato.

Oggi ti indicherò proprio chi sta vincendo e chi, invece, sta perdendo, dopo l’elezione di Trump.

Dove investire in Borsa in questo momento.

Vediamo di seguito i più chiari vincitori e perdenti sui mercati finanziari.

  1. Healthcare: questo è stato uno dei settori che ha rimbalzato con più forza. Il motivo principale è che, anche se ora ha mitigato un po’ i toni, Trump sembra comunque deciso quantomeno a rivedere alcuni aspetti dell’Obamacare, che non era stato particolarmente positivo per i titoli healthcare.
  2. Difesa: Trump sembra anche intenzionato ad aumentare la dotazione militare e questo è sicuramente positivo per i titoli del settore che, infatti, sono in rally. C’è anche da dire, comunque, che probabilmente chiamerà gli altri membri della NATO ad un maggiore impegno e quindi non è detto che tutto vada a favore dei contractor americani. Il settore, comunque, dovrebbe trarre beneficio dalla politica repubblicana.
  3. Bond: per ora il maggiore perdente è il comparto obbligazionario. Questo perché Trump ha annunciato una politica reaganiana di “economia supply-side” e questo dovrebbe portare ad un taglio delle aliquote fiscali ed aumento di spese in infrastrutture, il che dovrebbe generare più deficit, aumento dell’inflazione e dei tassi. I bond hanno sofferto particolarmente queste aspettative.
  4. Titoli finanziari: il mondo della finanza non era stato particolarmente “pro-Trump”, eppure nei primi giorni dopo l’elezione è stato tra i maggiori beneficiari. Questo per via della possibilità di minore regolamentazione e poi perché l’aumento dei tassi dovrebbe aumentare le entrate di banche e assicurazioni sui loro impieghi.
  5. Inflazione: come detto al punto 3, l’inflazione dovrebbe aumentare e quindi all’interno del martoriato comparto obbligazionario i titoli inflation-linked dovrebbero tenere meglio o persino guadagnare.
  6. Utilities: essendo questo un settore fortemente sensibile ai tassi di interesse, c’è stato un forte storno sul comparto e questa tendenza dovrebbe continuare nell’immediato futuro.
  7. Dollaro: l’aumento dei tassi dovrebbe avvenire prima negli USA e solo poi in Europa e in altri Paesi dove l’economia è ancora più debole. Per questo il biglietto verde si è rafforzato, soprattutto contro la valuta europea.
  8. Oro: la fine del mondo che qualcuno si aspettava dopo l’elezione di Trump non c’è stata e il metallo giallo è rimasto stabile dopo un primo e temporaneo rally. Con i tassi in aumento, l’ambiente per l’oro potrebbe non essere molto favorevole.

Questi sono solo i settori e le classi di investimento dove la tendenza è stata più chiara.

Come puoi vedere, c’è stato chi ha vinto e chi ha perso. In un portafoglio ben diversificato, comunque, molte di queste divergenze si sarebbero compensate.

Per questo alla domanda dove investire in Borsa in questo momento la risposta più logica è di avere sempre diverse classi di investimento nel proprio portafoglio, in modo da non subire eccessivamente l’evoluzione negativa di qualche settore o comparto e trarre nel lungo termine i vantaggi della crescita economica mondiale e dei mercati finanziari.

Se invece vuoi “scommettere” sui singoli settori o comparti, tieni presente quanto sopra, ma se vuoi un consiglio evita di andare “all in” su uno o pochi titoli e non rinunciare ai benefici della diversificazione.

Qualora volessi imparare a costruire un portafoglio solido e ben strutturato, iscriviti al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART, dove troverai molte strategie e tecniche per costruire un’allocazione adatta alle tue esigenze.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.