fbpx

Dove investire a Luglio 2020? Scopriamolo insieme!

dove investire a luglio 2020Dove investire a luglio?! Dopo un mese di giugno positivo per tutti i mercati azionari, ci si interroga sul futuro dei mercati finanziari.
Sul fronte dei contagi arrivano finalmente buone notizie su base globale. Resta, tuttavia, ancora alta la criticità  negli Stati Uniti e dell’America Latina.
I mercati finanziari, sia obbligazionari che azionari, continuano la loro avanzata. I dati macroeconomici, tuttavia, non sono confortevoli e c’è, inoltre, chi già inizia a preoccuparsi per la seconda ondata di contagi in autunno!

Dove investire a luglio: il punto sui dati macroeconomici

Arrivano i primi dati ufficiali sull’andamento delle economie. E come previsto i dati non sono per nulla confortanti!

Le previsioni diffuse in questi giorni dalla commissione europea non lasciano intendere nulla di buono.

Per il 2020 si stima che il Pil della zona euro scenderà complessivamente del -8,7%,  per risalire del 6,1% nel 2021. I dati peggiori per il 2020 sono quelli di Italia (-11,2%), Spagna (-10,9%) e Francia (-10,6%). Per Bruxelles si tratta di “una recessione ancora più profonda” delle attese, e con “divergenze più ampie”.

I paesi europei a pagare il prezzo più alto saranno l’Italia, Francia e Spagna. Per le quali si attende rispettivamente una contrazione del Pil  dell -11,2%, del -10,9%, e del -10,6%. Stando alle stime precedenti per Bruxelles si tratta di “una recessione ancora più profonda” delle attese, e con “divergenze più ampie”. Infatti, si stima che contrazioni più ridotte saranno registrate in Olanda, Germania e Polonia.

Anche le notizie provenienti dal Fondo Monetario Internazionale non sono per nulla confortanti. Il FMI ha infatti rivisto in negativo le sue stime di crescita globale, con un PIL in contrazione del 4,9% nel 2020, rispetto al -3% previsto ad aprile.

Sulla stessa scia di Bruxelles, anche il FMI prevede un 2020 drammatico per l’Italia! E’ previsto per l’anno in corso una contrazione del Pil del 12,8%!

Dove investire a luglio? Liquidità, azioni o obbligazioni?

Nonostante questo quadro macroeconomico non ottimistico, i mercati finanziari sembrano disinteressati alle attuali condizioni dell’economia reale e continuano ad essere positivi.
La spinta ai consistenti rialzi dei mercati è certamente garantita dai massicci interventi di politica monetaria messi in campo dalle banche centrali. Denaro che in gran parte è certamente confluito sui mercati finanziari.

La positività dei mercati azionari del mese di giungo si è caratterizzata per una più alta volatilità. In particolare, questo fenomeno lo si è evidenziato maggiormente sul mercato europeo. Come evidenziamo nei nostri report il motivo è da ricondurre ad un piano d’aiuti non ancora varato che alimenta alternativamente sfiducia e ottimismo.

Bene anche la performance dei paesi Asiatici/emergenti che registrano il rialzo mensile più alto rispetto alle altre principali aree geografiche.

Meno performante il mercato USA, le cui quotazioni sono tuttavia più vicine ai livelli pre-covid rispetto agli altri paesi.

Per quanto riguarda il mercato obbligazionario, i prezzi migliorano su tutta la linea (governativi, corporate, scadenze lunghe e corte) grazie soprattutto al rinnovato sostegno delle banche centrali e dei governi. E l’annuncio della FED di sostenere l’acquisto anche dei singoli bond societari!

Chi segue strategie di investimento trend following, ovvero atte a cavalcare il trend rialzista, dovrebbe investire, punto! I mercati stanno salendo! Questo è il dato oggettivo!
E’ chiaro che la preoccupazione più immediata è di entrare a mercato e prendersi un bel ribassso! Tieni presente che questo rischio c’è, e ci sarà sempre!

Per questo per investire ed affrontare qualsiasi scenario senza rimetterci il capitale è necessario avere una buona strategia ed una buona preparazione di base.

Approfitta del corso GRATUITO investitore SMART per apprendere i segreti dell’investimento!

Buon investimento!

2 pensieri riguardo “Dove investire a Luglio 2020? Scopriamolo insieme!

  • 11 luglio 2020 in 11:22
    Permalink

    Considerando le elezioni USA, l’immissione di denaro delle banche centrali, la stima del dato sulla produzione industriale italiana del mese di maggio, in recupero (+42,1%) rispetto sia al dato precedente (-20,5%), sia alle previsioni (+22,8%)…. Ok le previsioni vanno viste anno per anno e non mese per mese…. Con la possibilità di un ritorno del Covid-19…. Non è che vivremo un rialzo a W con conseguente “bagno di sangue”??

  • 11 luglio 2020 in 18:51
    Permalink

    Bagno di sangue non è detto, ma di certo un rischio seconda onda per l’economia c’è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.