fbpx

Se arriverà una discesa delle Borse sarai preparato?

Se mi leggi spesso sai che sono stato positivo sul mercato azionario in questi anni ma oggi voglio parlarti di una eventuale discesa delle Borse, perché le discese sono cicliche e prima o poi un nuovo Mercato Orso arriverà e bisognerà essere preparati per tempo.

Discesa delle Borse: di cosa parliamo?

Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di discesa delle Borse. Ci sono diversi tipi di discese:

1 – Discesa del 10% fino al 20% circa: si tratta di una normale correzione. Nessun mercato al rialzo cresce sempre senza interruzione e lungo un Bull Market di 10 o più anni inevitabilmente ci saranno periodi dove gli indici più importanti e diversificati come ad esempio l’S&P500 o l’MSCI World correggono di 10 o più punti percentuali. Fino ad una correzione del 20% tecnicamente non siamo in un Mercato Orso, ma è una semplice pausa del precedente Mercato Toro.

2 – Quando la discesa supera il 20%, allora siamo tecnicamente in una fase ribassista e il precedente Mercato Toro è concluso.

La discesa delle Borse di cui parlo io è la seconda, perché la prima è fisiologica e normale e, anzi, è spesso una enorme opportunità di acquisto.

Come detto, prima o poi questa discesa arriverà. I motivi che la scateneranno si creano sempre durante la precedente fase di rialzo, dove squilibri e problemi si accumulano e diventano sempre maggiori fino ad esplodere.

Se oggi dovessi trovare alcune motivazioni che possono generare il prossimo ribasso le cose che direi sono l’alto indebitamento dovuto ai bassi tassi di interesse, la spinta verso la riduzione della globalizzazione, i problemi del settore bancario e finanziario internazionale e gli squilibri della Cina. Ma altri se ne possono formare.

Comunque, anche i Mercati Orso fanno parte del normale andamento dei mercati e non debbono essere vissuti come una tragedia. L’importante è essere preparati.

E come ci si può preparare ad un Mercato Orso? Ecco alcune proposte:

1 – Posizioni short sui mercati: non le raccomando alla maggior parte degli investitori, ma per chi ha un “animo da trader” è senza dubbio un’opzione. Con gli short non è facilissimo guadagnare, perchè se si sbaglia il timing e non si è disposti ad operare con stretti stop-loss, le perdite possono essere infinite.

2 – Inserimento nella propria componente azionaria di titoli anticiclici e meno volatili.

3 – Asset allocation, con riduzione generale dell’esposizione sull’azionario.

4 – Aumento della quota di obbligazioni, in questa fase soprattutto a tasso variabile.

Quando proteggersi?

Attenzione, però, non sto dicendo che queste cose debbano essere fatte oggi. Oggi siamo in un Mercato Toro e in un Bull Market devi essere semplicemente rialzista.

Ad un certo punto, però, ci saranno dei segnali, anche prima di avere la correzione superiore al 20%. Le medie mobili saranno tagliate dall’alto verso il basso, alcuni supporti saranno rotti, le resistenze non riusciranno ad essere superate. Quando questo avverrà, si potrà iniziare a preparare la propria protezione. L’importante è sapere subito cosa fare ed ora che te l’ho spiegato tu lo sai.

Se poi vuoi imparare a costruire un portafoglio che ti può aiutare a gestire i tuoi soldi in ogni situazione di mercato con gli opportuni accorgimenti, non dimenticarti di iscriverti al mio corso in 7 email INVESTITORE SMART.

Buon investimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.