I problemi di Deutsche Bank possono creare una crisi delle Borse?

Ormai da tempo e soprattutto negli ultimi giorni si parla sempre di più della crisi di Deutsche Bank e considerando le dimensioni del soggetto coinvolto in molti si chiedono se tutto questo non possa generare una nuova crisi delle Borse. Magari te lo stai chiedendo anche tu.

Come sai, io sono ancora abbastanza ottimista sul mercato azionario, ma i problemi di questa banca vanno sicuramente tenuti in considerazione e dopo molti anni di rialzi, un’inversione di tendenza è uno scenario che non può essere scartato a priori. Ma andiamo per ordine.

Può esserci una crisi delle Borse se i problemi di Deutsche Bank dovessero peggiorare!

Vediamo subito quali sono i problemi attuali di Deutsche Bank:

  1. Derivati: la banca tedesca ha un volume elevatissimo di derivati, pari a circa 15 volte il PIL tedesco. Ti rendi conto sicuramente dell’enormità di questo numero. Naturalmente questi derivati saranno ampiamente bilanciati, nel senso che ci saranno varie operazioni di segno contrario, quindi non necessariamente se si verificasse qualche evento salterà tutto il banco. Tuttavia, la quantità è davvero molto alta.
  2. In USA Deutsche Bank è stata multata per 14 miliardi di dollari per il suo comportamento con i derivati durante la crisi dei mutui. Si tratta di una multa molto alta e attualmente l’istituto è impegnato in una negoziazione per avere uno sconto. Se però la società dovesse pagare l’intera cifra non è detto che abbia le necessarie risorse per fronteggiare l’esborso.
  3. Infine, è notizia di oggi che 10 hedge funds clienti hanno ritirato la liquidità dalla banca.

Il risultato è che il titolo è stato fortemente penalizzato in Borsa, con la perdita del 50% di capitalizzazione negli ultimi mesi. Non solo, ma la crisi di questa banca sta penalizzando anche le altre banche tedesche e tutto il comparto bancario in Europa.

Sicuramente si tratta di un elemento che può essere una bomba ad orologeria per i mercati. Quelli europei in primo luogo e poi anche quelli internazionali.

Come gestire questo rischio?

Intanto ti dico subito che prevedere una crisi delle Borse non è affatto facile e ti sconsiglio di farlo. I problemi di Deutsche Bank potrebbero avere delle ripercussioni, ma potrebbe anche non succedere e nel caso il peggio si dovesse verificare, potrebbe esserci sempre l’intervento del governo tedesco o delle autorità monetarie europee. L’effetto sulle Borse, in altri termini, potrebbe essere minore di quanto si pensi.

Detto questo, se temi questo rischio puoi optare per un’asset allocation più conservativa, con una quota maggiore di bond e liquidità, azioni sicure, e magari una piccola quota di metalli preziosi. Potresti rinunciare a rendimenti maggiori, ma così facendo conterrai i rischi.

Il mio consiglio, però, è di non rinunciare completamente ad una esposizione azionaria. Poiché nessuno può prevedere il futuro, se anche vuoi essere prudente tieni almeno il 20% del tuo portafoglio in azioni.

Buon investimento.

P.S.: se non lo hai già fatto, iscriviti subito al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART per imparare a costruire un portafoglio indipendente dai fattori macroeconomici che non sono sotto il tuo controllo.

4 pensieri riguardo “I problemi di Deutsche Bank possono creare una crisi delle Borse?

  • 1 ottobre 2016 in 09:19
    Permalink

    Buondì, i problemi sui derivati di DB riguardano anche i suoi ETF? So che la gestione è separata, che ci sono dei criteri per la loro quotazione, ma facendo parte di un sistema i tracker di azioni e bond che conseguenze avrebbero?

  • 1 ottobre 2016 in 15:13
    Permalink

    Come ha detto teoricamente nessuno perché si tratta di patrimoni separati. Ovviamente, tutto il resto uguale è preferibile scegliere altri emittenti.

  • 8 ottobre 2016 in 15:58
    Permalink

    Per gli ETF non a replica fisica, entro i limiti definiti nel documento di sintesi (mi pare solitamente un 10%), credo che la perdita ci sarebbe tutta (oltre ovviamente all’eventuale calo determinato dal sottostante)…

  • 8 ottobre 2016 in 18:20
    Permalink

    Non è detto perché la controparte del derivato potrebbe non essere Deutsche Bank e comunque per gli ETF in genere il derivato è coperto con un paniere di titoli primari (in genere titoli di stato). Però potrebbero esserci dei problemi tecnici, quindi non vedo perché complicarsi la vita con le diverse scelte che ci sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.