Cosa sono gli ETF settoriali?

cosa sono gli ETF settoriali

Gli ETF settoriali rappresentano un comparto di investimento piuttosto interessante. In particolare, con gli ETF settoriali è possibile variare il proprio portafoglio andando alla ricerca di extra-rendimenti rispetto al rendimento normale dei principali indici.

Andiamo però per ordine e cerchiamo di capire di cosa stiamo parlando.

Sicuramente, gli ETF settorali rappresentano una valida alternativa di investimento e diversificazione per gli investitori. E quindi anche per te.

Cosa sono gli ETF settoriali?

Come dice il nome, un ETF settoriale è un ETF che investe in un singolo settore. Quindi possiamo avere un ETF settore bancario, un ETF settore assicurativo, un ETF settore healthcare e così via.

A volte, l’ETF settoriale si “mixa” con una caratteristica geografica. Quindi ci sarà il bancario europeo, l’assicurativo americano, l’industriale europeo, ecc…

In questo modo si può prendere una posizione su un singolo settore, che in un certo periodo potrebbe fare meglio, spesso molto meglio, rispetto ad un indice generale, che per sua natura è diversificato settorialmente. Naturalmente, può fare anche molto peggio.

Investire  in ETF settoriali conviene?

Questa è una bella domanda. Sicuramente, si può aggiungere valore al proprio portafoglio scegliendo ETF settoriali.

Ad esempio, nel 2017 l’ETF tecnologico MSCI World ha messo a segno un +38%. Molto di più rispetto all’indice MSCI World. Quindi, se avessi aggiunto questo settore al tuo portafoglio avresti ottenuto un extra-profitto davvero interessante.

Se, però, avessi scelto un ETF settoriale su energia o telecom, allora nel 2017 avresti ottenuto meno rispetto all’indice generale MSCI World.

Nel 2018, però, un ETF energetico avrebbe dato ottimi risultati:

cosa sono gli ETF settoriali - grafico

Questo ti fa capire una cosa. Investire in ETF settoriali può dare risultati interessanti, ma richiede un’attenzione particolare e tempo per studiare i diversi settori. Non una cosa alla portata di tutti.

Come investire in ETF settoriali?

E’ quindi il caso di rinunciare all’investimento in ETF settoriali?

Assolutamente no!

Ad esempio, in Trend e Strategie di Investimento uso un metodo per investire parzialmente in ETF settoriali senza per questo sconvolgere il portafoglio complessivo e senza aumentare eccessivamente la variabilità dei risultati.

In primo luogo, gran parte del nostro portafoglio viene investito in modo “core”. Cosa vuol dire? Semplice, gran parte del portafoglio viene investito su ETF diversificati. Può essere ETF MSCI World, Mercati Emergenti, ecc…

A questo punto, su questa parte “core” aggiungiamo saltuariamente degli ETF settoriali. Sempre se vediamo delle opportunità.

In questo modo, cerchiamo di ottenere qualche extra-rendimento, senza però aumentare eccessivamente il rischio complessivo.

Questo è il modo che ti consiglio di usare anche per il tuo portafoglio.

Ricapitolando, oggi ti ho spiegato  e come investire in ETF settoriali.

Ora sta a te mettere tutto in pratica.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.