Andamento borsa italiana: Scopri analisi e quotazioni in tempo reale

andamento borsa italianaL’andamento Borsa italiana sembra essere sul sentiero giusto!
Negli ultimi anni, però, l’andamento dell’indice FTSE Mib è stato piuttosto deludente. Il nostro indice domestico, infatti, è stato in assoluto uno dei peggiori tra i mercati sviluppati.

Quali sono state le cause alla base di questo andamento borsa italiana? E soprattutto, quali sono le prospettive future? Continua a leggere questo prezioso articolo e lo scoprirai!!!

Andamento borsa italiana: quotazione in tempo reale

Prima di addentrarci nell’analisi del mercato italiano nel grafico sottostante puoi verificare in tempo reale l’andamento del ftse MIB 40 principale indice del mercato italiano che raccoglie le prima 40 imprese a più alta capitalizzazione.  Grazie al grafico interattivo puoi utilizzare i principali strumenti di analisi tecnica.

Perché l’andamento Borsa italiana è stato così deludente fino ad oggi?

Il principale motivo dell’andamento Borsa italiana risiede proprio nella composizione dell’indice FTSE Mib.

Questo indice, infatti, è stato composto per molto tempo soprattutto da banche e assicurazioni, mentre il settore industriale ha pesato molto meno.

Oggi il settore bancario si è un po’ ridimensionato. Tuttavia, resta ancora il comparto principale, con un peso del 25%. Se a questo aggiungiamo anche assicurazioni e settore finanziario, arriviamo al 36%. Molto distaccati, poi, troviamo le utilities (17%), il settore petrolifero (circa 13% di peso) e l’industriale (10%).

Cosa vuol dire questo? Semplice, la debolezza del comparto bancario a livello europeo e mondiale ha colpito anche il settore italiano e questo ha avuto un impatto negativo notevole sulla nostra Borsa.

Andamento Borsa italiana: siamo in ripresa?

Negli ultimi tempi, comunque, le azioni italiane si sono mosse un po’ meglio. Nel primo trimestre 2017 l’FTSE Mib ha guadagnato l’1% in euro e circa 3,1% in dollari.

Non così male, ma non c’è molto di cui andare fieri. Infatti, questa performance è comunque più bassa rispetto agli altri mercati europei.

Espressi in euro, la Germania ha guadagnato il 4,20%, la Francia il 4,90%, la Spagna addirittura l’11%. Come vedi, la differenza è notevole.

In altri termini, il nostro mercato al momento non è proprio uno dei migliori.

Considera anche il fatto che la vera forza del mercato azionario italiano non risiede nelle grandi società, bensì nelle aziende a media capitalizzazione.

Infatti, l’indice Mid Cap italiano negli ultimi anni ha registrato performance in linea con i mercati sviluppati più forti ed un risultato molto più alto dell’indice principale.

In definitiva l’andamento borsa italiana continua ed essere “lento”. Ma questo non esclude la possibilità che nel medio termine si riallinei ai principali mercati europei.
Se mastichi di mercati finanziari sai che borsa italiana è un mercato “particolare”  per cui l’attenzione deve essere sempre massima.

Quindi…Cosa faccio su borsa Italiana?!

Dipende!

Se sei già dentro il consiglio è tener conto della tua propensione al rischio. Stando alle statistiche i mercati dovrebbero entrare in una fase di aumento della volatilità. Se hai i nervi saldi allora resta dentro. Se invece l’ipotesi di  una “burrasca” anche live di mette in agitazione allora al primo scricchiolio esci.

Se invece sei al balcone ad osservare il consiglio di attendere proprio qualche storno per entrare a prezzi più conveniente.

Chiaramente questo approccio presuppone una view di medio termine positiva sul mercato italiano. Stando anche ai dati macroeconomici questa prospettiva non sembra essere troppo lontana dalla realtà.  E l’ipotesi che borsa italiana si agganciarsi alle principali borse europee non è così impossibile.

Se vuoi andare più sul “sicuro” potresti orientati su società a media capitalizzazione. Uno dei modi migliori per farlo è tramite un ETF sull’indice Mid Cap. Anche in questo caso sarebbe prudente attendere qualche storno! Il comparto appare un pò “tirato”!

Occhio però  a non esagerare con il capitale!

Buon investimento,

Roberto Donzelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.