Megatrend: cosa sono e conviene investire?

Megatrend

Megatrend è un termine che molto probabilmente avrai sentito spesso negli ultimi anni.

Basta aver letto anche di sfuggita la stampa economico-finanziaria o qualche sito internet e probabilmente avrai sentito parlare di questo termine o di qualche sinonimo come trend futuri, trend globali, ecc…

Oggi ti spiegherò più in dettaglio cosa sono i megatrend e poi vedremo se ci sono opportunità di investimento.

Ma andiamo per ordine.

Cosa sono i megatrend

Vediamo subito cosa sono i megatrend.

Per megatrend possiamo intendere i grandi trend internazionali di fondo. Quelli, insomma, che con grande probabilità determineranno lo sviluppo della società umana nei prossimi decenni.

Per capire meglio, facciamo due esempi.

La crescita del mercato azionario ad esempio del settore materie prime per 6 mesi non è un megatrend. E’ un trend di breve-medio periodo, magari a seguito di qualche evento geopolitico, ma se non ci sono situazioni strutturali che giustificano una crescita pluriennale è un rialzo fine a se stesso.

Viceversa, la crescita del mercato dell’automazione o dell’intelligenza artificiale è sicuramente un megatrend. Questo perché la crescita è stata costante ed è attesa anche per molti anni a venire. Ci sono notevoli opportunità che gli sviluppi in questi comparti avranno anche un impatto notevole sulla società e sulla vita di ognuno di noi.

Quali sono i principali Megatrend?

Ma concretamente, quali sono i megatrend? Beh, qui ognuno può avere la sua visione. Tuttavia un sommario (tutt’altro che esaustivo) potrebbe contenere questi settori/mercati:

  1. Automazione: sia quella industriale che quella domestica sono da anni ormai in crescita e non c’è dubbio che lo sarà sempre di più. A questo comparto è legato anche quelli della Robotica e tutto ciò che è legato all’intelligenza artificiale.
  2. Informatica, digitalizzazione e sicurezza informatica: l’informatica è ormai presente, potenzialmente, in ogni campo della nostra vita. Basti solo pensare a quanti 15-20 anni fa compravano nei negozi fisici e quanti lo fanno oggi. O quanti si recavano in banca fisicamente e quanti lo fanno oggi. Ancora, quanti leggevano la stampa cartacea e quanti lo fanno oggi. A fronte dell’aumento del peso dell’informatica e della digitalizzazione, ovviamente cresce anche l’importanza della sicurezza informatica.
  3. Invecchiamento della popolazione: soprattutto nel mondo occidentale. Ma scordati gli anziani che stanno sempre in casa e risparmiano tutto. Già oggi i baby-boomers sono i principali clienti di colossi tecnologici come Apple. E gli anziani sono e saranno grandi consumatori per molti settori, dal turismo all’alimentazione, dal private banking all’immobiliare. E ovviamente avranno anche un impatto sulla farmaceutica e i servizi sanitari.
  4. Energie rinnovabili ed economia verde: se ne parla già da qualche decennio, ma sicuramente gli sviluppi più importanti nelle energie rinnovabili debbono ancora arrivare.
  5. E-mobility, logistica, trasporti: auto elettriche, mobilità condivisa, produttori di batterie al litio, logistica internazionale. Tutte cose che avranno un notevole sviluppo nei prossimi anni.
  6. Infrastrutture: ti ho parlato di energia verde, informatica, digitalizzazione e molto altro. Tutte cose che hanno bisogno di infrastrutture. Da quelle energetiche alle normali strade e vie di comunicazione, dal 5G alle innumerevoli altre infrastrutture tecnologiche. Anche qui molte aziende stanno investendo molto e puntano a ritagliarsi una fetta importante del mercato.

Conviene investire nei megatrend?

Tutto questo è sicuramente molto interessante. E sicuramente starai intravedendo notevoli opportunità di investimento.

Ma qui è anche mio compito frenare un po’ gli entusiasmi. Avere davanti un megatrend chiaro e preciso, non vuol dire che, automaticamente, questo sarà anche un buon investimento. E’ un po’ quello che diceva Buffett quando diceva che “una grande azienda non necessariamente è un buon investimento”. Ugualmente, “un grande trend non necessariamente sarà un buon investimento”.

I motivi sono i seguenti:

  • I prezzi delle azioni delle aziende che rientrano in questi sono già molto alti ed incorporano buona parte delle potenzialità di crescita
  • All’interno di uno o più megatrend c’è una fortissima concorrenza di prezzo, che distrugge i margini di profitto
  • Le tecnologie sono ancora embrionali e gli investimenti da fare sono enormi prima di iniziare a dare qualche rendimento concreto
  • Molti di quelli che oggi sono identificati come megatrend potrebbero non essere così rilevanti nel lungo periodo o lasciare il passo ad altri nuovi trend. Identificare le industrie vincenti con largo anticipo non è così facile come si può pensare

Considerando tutto questo, conviene investire nei megatrend?

La mia risposta è sì, però pensare di poter investire in questi settori tutto il proprio portafoglio è molto pericoloso. Infatti così la diversificazione si ridurrebbe in modo eccessivo.

Il mio consiglio, invece, è di mettere una quota intorno al 20-25% del portafoglio (o anche leggermente meno) su ETF o titoli che rientrano tra i megatrend. La parte residua del portafoglio continuerà ad essere investita in ETF azionari largamenti diversificati come l’MSCI World o in obbligazioni.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.