fbpx

L’intesa RCEP non lascia spazio agli investimenti Esg?

Intesa RCEP disincentiva gli investimenti Esg

Abbiamo già spiegato su questo blog cos’è l’intesa RCEP e perché è considerato un evento di portata mondiale! Un’intesa che ha coinvolto 15 paesi dell’area del Pacifico-Asia ed ha impiegato ben 8 anni prima di vedere la luce il 15 novembre 2020.

Un evento accolto positivamente dai mercati internazionali. Gli analisti stimano che la facilità degli scambi in queste aree dovrebbe accrescere le relazioni commerciali tra i paesi firmatari dell’accordo per per circa 200 miliardi l’anno. Nell’intesa RECP, non c’è, purtroppo, nessun riferimento al rispetto dei diritti umani e alla tutela dell’ambiente.
L’accordo RECP limiterà l’avanzata del settore Esg?

L’intesa RCEP si dimentica dei diritti umani e della tutela dell’ambiente

Sebbene non sono ancora noti tutti i particolari dell’intesa RCEP, sembra proprio che i rappresentanti dei paesi convolti abbiano di dimenticato di inserire nell’accordo norme sulla tutela dei diritti umani e rispetto dell’ambiente.

Il rischio concreto e quindi quello di mettere il profitto aziendale dinanzi ad uno sviluppo sostenibile, rispettoso dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori.

In questa prima versione dell’intesa RCEP le imprese di fatto hanno il diritto di aggirare le leggi nazionali, comprese quelle ambientali. E’ concesso loro il diritto di citare in giudizio i governi qualora li ritenessero direttamente responsabili di limitare i loro profitti.

Nella sostanza sembra un accordo vecchio! Un’intesa controcorrente. Di quelle vecchio stampo dove emissioni in inquinanti e sfruttamento del lavoro sono al servizio della ricchezza economica.
Questo accordo, che ti ricordo, coinvolge 1/3 della popolazione mondiale, potrà frenare l’ascesa degli investimenti Esg?

L’Intesa RCEP non lascia spazio ai criteri Esg!

L’acronimo ESG è composto da tre parole (Enviromental, social and governance) che a loro volta racchiudono tre distinti aspetti di sensibilità sociale:

  • Il primo è quello della tutela dell’ambiente
  • Il secondo include i diritti umani, il riconoscimento e rispetto di standard lavorativi, i rapporti tra le aziende e la comunità civile
  • Il terzo universo è relativo delle buone pratiche di governo societarie

Di tutto questo non c’è traccia all’interno dell’intesa di libero scambio più grande al mondo! Considerato il volume d’affare l’accordo, se i 15 paesi si fossero impegnati nell’imporre o nel favorire lo sviluppo di quelle aziende coerenti con i criteri Esg, sicuramente vi sarebbe stato un notevole impulso allo sviluppo di questo settore.

Negli ultimi anni si è sviluppata una maggiore sensibilità verso tematiche ambientali, sociali e di gestione societaria. Questa maggiore attenzione a tali tematiche ha fatto si che una quota sempre maggiore di capitale andasse a finanziarie aziende rispettose dei criteri Esg.

Il settore ha conosciuto quindi, una crescita significativa che lascia ben sperare anche per gli anni futuri. Tuttavia, come già detto, l’intesa RCEP non va in quella direzione.

Questo di certo potrà comportare una limitazione della crescita del settore. Tuttavia, le aziende del vecchio continente che stanno andando in questa direzione aumentano sempre di più. Nonostante, quindi, l’accordo di libero scambio più grande al mondo non incentivi le aziende ad operare nel rispetto dei criteri Esg, l’universo investibile è comunque ampio e le alternative d’investimento sono comunque molte.

Investire sostenibile nell’era RCEP, conviene?

Forse i tempi non sono ancora maturi per una crescita mondiale sostenibile. Tuttavia, le catastrofi ambientali cui assistiamo ogni giorno, la maggiore sensibilità verso il rispetto del prossimo, stanno spingendo le aziende, al momento per lo più singolarmente, a protendere verso attività sostenibili.

Perché possa esserci un’esplosione di questo settore è però necessario che certe regole vengano definite negli accordi tra paesi o a livello governativo. In Europa qualcosa sembra muoversi. Anche negli USA, Biden ha svelato la sua attenzione verso queste tematiche.
Il trend del settore è positivo. Investire oggi in Esg potrebbe dare nel tempo grandi soddisfazioni. Ma bisogna avere ancora tanta pazienza affinché diventi una moda seguita a livello mondiale.

Oggi esistono diversi etf Esg, ma fai ben attenzione a diversificare il tuo portafoglio. Come vedi non è del tutto scontato che il mondo vada in quella direzione.
Accordi di portata internazionale potrebbero infliggere contraccolpi al settore. Approfitta del corso GRATUITO investitore SMART, per apprendere tutti i segreti per diversificare correttamente il tuo portafoglio.

Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.