fbpx

Inflazione: ad ognuno la sua! Ma la soluzione per combatterla è la stessa!

inflazioneIl tema dell‘inflazione è stato affrontato diverse volte su questo blog. Il motivo della “ridondanza” dell’argomento è molto semplice. Per inflazione si intende un aumento generalizzato e continuo dei prezzi. Questo significa che a parità di stipendio il potere d’acquisto tende a diminuire nel tempo.
Minor potere d’acquisto significa che con il reddito che hai a disposizione ci puoi comprare meno cose, proprio perché i prezzi via via aumentano.
Quindi, conoscere questo fenomeno è importante perché ti fa capire che è necessario intraprendere iniziative concrete per evitare che con il trascorrere del tempo diventi sempre più povero.
Prima di arrivare alle soluzioni concrete da poter intraprendere, in questo articolo vogliamo farti cogliere un altro utile punto di vista sull’inflazione. L’inflazione non complisce tutti allo stesso modo ma dipende dalle fasce di reddito e quindi dalle abitudini di vita!

L’inflazione dipende dalle abitudini di vita

Nell’immaginario comune l’inflazione è un problema che riguarda solo le categorie di reddito minore. La realtà è ben diversa. Anzi, per certi versi è un problema che affligge maggiormente le fasce di reddito medio-alte.

Come mai l’inflazione impatta in maniera diversa sulle fasce di reddito?

Le abitudini di spesa non sono tutte uguali. Variano in funzione delle fasce di reddito. Quando più differenti sono le fasce di reddito maggiore è la differenza in termini di stili di consumo e abitudini.

Questo è abbastanza intuitivo: chi percepisce un reddito “sindacale” può concentrarsi solo, salvo rare eccezioni, sui consumi essenziali. Ben diverso per chi possiede redditi molto alti.

Chi possiede un reddito più alto lo impiegherà per soddisfare i bisogni essenziali. Un’altra quota dello stesso, che in termini percentuali del reddito è la quota principale, sarà impiegato in consumi di beni e servizi “voluttuari”.
I beni/servizi voluttuari sono quei beni non necessari alla sopravvivenza dell’essere umano. Rientrano tra questi i servizi alla persona, beni di lusso, teatro, palestra, viaggi ecc. ecc.

Statisticamente sono questi settori dove l’aumento dei prezzi si registra in misura maggiore!

Quindi, per sapere quale sarà l’effetto reale dell’inflazione su determinate categorie di persone, bisogna prendere in considerazione due elementi fondamentali:

  • reddito a disposizione 
  • distribuzione del reddito tra le varie categorie di spesa 

Ne consegue che l’effetto dell’inflazione sulla capacità di acquisto di ogni famiglia sarà più o meno evidente e percepibile, a seconda delle capacità di reddito e delle abitudini di spesa messe in atto.

Andamento dell’inflazione e categorie di beni e servizi

Dagli inizi del 2000, l’Istat ha creato un “sotto indice” sull’inflazione con l’obiettivo di evidenziare differenti effetti dell’inflazione sulle famiglie per fasce di reddito e quindi per stili di consumo.

Senza entrare in troppi tecnicismi lo studio condotto negli anni ha evidenziato che la variazione di prezzo maggiore si riscontra appunto nel settore dei beni/servizi tipicamente voluttuari. Ben più modesto è stato l’aumento sui beni di uso quotidiano.

Una dinamica che ha quindi sfavorito le famiglie a medio-alto reddito! 

Più solidi hai più ti colpisce l’inflazione. Corri ai ripari!

L’analisi fin qui condotta ha fatto emergere per prima cosa che esistono tanti tipi di “inflazioni”. E che essa dipende dalle abitudini di consumo.

Altro aspetto di non poco conto è che le analisi condotte, ormai da quasi 20 anni dall’Istat, ha evidenziato che tendenzialmente l’inflazione si registra in misura maggiore sui beni/servizi di non stretta necessità per i quali le famiglie con un reddito più alto spendono sicuramente di più!

Ne deriva quindi che, sebbene il fenomeno sia meno percepito dai cittadini più abbienti, questo sono più esposti a questa “tassa sul reddito”.

I risparmiatori con un reddito medio sentono il dovere di proteggere il loro piccolo patrimonio dall’inflazione, perché la percepiscono maggiormente.

Tuttavia, da un punto di vista puramente matematico, dovrebbero preoccuparsene di più le famiglie più ricche in quanto più colpite dall’inflazione.
Questo di norma accade meno, perché come avrai ormai inteso, il fenomeno è meno percepibile dai abbienti.

L’inflazione è una brutta bestia per il tuo patrimonio! E’ quindi sempre consigliabile correre ai ripari. Ma se hai un reddito alto il consiglio diventa quasi un “obbligo”!

Ora che hai preso coscienza di come tale fenomeno complisce il tuo patrimonio non ti resta che iscriverti al corso GRATUITO investitore SMART!
Imparerai a investire i tuoi risparmi in maniera autonoma e a proteggerlo dall’inflazione.

Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.