Crisi di governo, quali conseguenze per i mercati azionari?

crisi di governo

In Italia si è ufficialmente aperta la crisi di governo.

Il patto tra Lega e Movimento 5 Stelle alla fine ha tenuto solo per poco più di un anno. Poi le divergenze sono risultate insanabili e anche per via di strategie politiche si è aperta l’attuale crisi di governo.

Come sai, questo non è un blog politico. Quindi non daremo giudizi politici su quello che sta succedendo.

Questo, invece, è un blog di economia e finanza. Quindi andremo a vedere quali saranno le conseguenze per i mercati finanziari.

Crisi di governo e mercati azionari e obbligazionari internazionali: conseguenze?

Per prima cosa, cerchiamo di capire se potranno esserci conseguenze per i mercati internazionali.

Per quanto riguarda i mercati azionari, voglio subito chiarire che l’impatto della crisi italiana è praticamente nullo.

L’Italia sull’azionario globale pesa veramente poco e al massimo può fungere da amplificatore di una volatilità già esistente.

Tanto per capirci, la crisi di governo non avrà un impatto minimamente paragonabile a quello delle tensioni commerciali USA-Cina o a quello delle azioni delle Banche Centrali.

Leggermente diversa è la situazione per l’obbligazionario. Certo, il nostro Paese resta in generale abbastanza marginale e periferico, tuttavia ha sempre uno dei mercati dei titoli di stato più grande al mondo.

Quindi, un effetto sicuramente lo avrà ed in particolare su quelli europei. Ad esempio, guardando l’andamento di alcuni ETF su government bond europei puoi vedere che nell’ultima settimana c’è stato un leggero calo, nonostante la maggior parte dei bond europei siano saliti. L’effetto negativo è dovuto proprio al calo dei BTP.

Anche in questo caso, comunque, l’effetto dovrebbe essere abbastanza contenuto.

Crisi di governo e conseguenze per la Borsa locale

Naturalmente le cose cambiano se sei esposto al mercato italiano o direttamente ai nostri titoli di stato.

Ad esempio, ecco la differenza di performance tra l’FTSE Mib e il DAX tedesco nell’ultima settimana.

crisi di governo grafico

Solo negli ultimi sette giorni, come puoi vedere, si è creato un differenziale di 2,50 punti con il DAX.

Questa differenza potrebbe continuare fino a che il quadro politico non sarà più chiaro.

Un discorso simile si può fare per i BTP. Lo spread nell’ultima settimana è passato da 200 punti base a 240 punti base.

Quindi, se hai dei BTP sicuramente hai avuto un po’ di volatilità negli ultimi giorni. Se intendi portare a scadenza i tuoi titoli questo potrà anche non interessarti. Ma se vuoi fare delle operazioni di breve termine, diciamo del trading (cosa che sconsiglio), allora questa volatilità ha un impatto sulla tua operatività.

Crisi di governo: quali scenari futuri?

La situazione italiana dell’ultimo anno ha mostrato chiaramente che i mercati, almeno in prima battuta, vogliono dall’Italia:

  1. Conti sotto controllo, prevalentemente aderendo alle richieste della Commissione Europea
  2. Permanenza italiana nell’euro e nelle istituzioni europee
  3. Assenza o marginalizzazione di movimenti, partiti e in generale idee contro l’euro
  4. Quadro politico stabile

Pertanto, ciò che andrà in questa direzione ridurrà lo spread e farà salire la Borsa. Ciò che andrà contro farà aumentare ancora la volatilità.

Quindi, se ad esempio ci saranno elezioni e magari una vittoria di una coalizione Lega + Fratelli d’Italia, allora devi prepararti a maggiore volatilità.

Se, invece, dovesse esserci un “governo del Presidente” con forze europeiste in maggioranza, allora probabilmente lo spread tornerà a scendere e la Borsa a salire.

Attenzione! Come detto all’inizio, questo non è un blog politico, quindi non sto auspicando questo. Sto semplicemente dicendo come reagiranno i mercati almeno nel breve periodo.

Personalmente, nel lungo termine io sono fermamente convinto che le politiche economiche europee siano totalmente sbagliate. L’Italia avrebbe bisogno di una politica economica fatta di investimenti, tagli fiscali, rafforzamento della produttività, della ricerca e della tecnologia.

Ma come ben sai, i mercati guardano spesso più al breve termine che al lungo.

Detto questo, andando alla nostra finanza personale, considera che l’Italia è un mercato marginale a livello mondiale. La cosa migliore, quindi, è che anche tu non abbia un’esposizione eccessiva all’Italia nei tuoi investimenti.

Buon investimento.

3 pensieri riguardo “Crisi di governo, quali conseguenze per i mercati azionari?

  • 18 agosto 2019 in 15:34
    Permalink

    Buongiorno,
    Grazie dei tuoi articoli sempre puntuali che aiutano quelli meno esperti come me ad avere sempre spunti interessanti.
    In questo periodo di possibili scenari un po’ burrascosi, sia nazionali ed internazionali, vorrei chiederti un consiglio sul costruire un PAC in ETF, per poter investire non contando molto nel timing. Ti ringrazio in anticipo.
    Massimo.

  • 18 agosto 2019 in 15:51
    Permalink

    Nel blog troverai diversi di articoli sui pac in ETF.

  • 19 agosto 2019 in 14:36
    Permalink

    @ Massimo,
    come suggerito dal nostro lettore sul sito trovi diversi articoli sui pec e sul “timing”. Certamente l’ingresso a mercato in più tranche come da pec, tende a neutralizzare l’effetto timing.
    a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.