Obbligazioni lira turca con protezione del capitale: conviene investire?

obbligazioni-lira-turca“Negli ultimi anni molti investitori, alla ricerca di nuove fonti di rendimento, hanno diversificato il proprio portafoglio assumendosi, però, anche nuovi rischi, come quelli dei tassi di cambio tra l’Euro e le valute emergenti, rivelatisi particolarmente volatili. Con le nuove obbligazioni in valuta emergente con protezione in Euro di Societe Generale, si vuole dare supporto a questi investimenti a forte rendimento potenziale, offrendo al contempo soluzioni in grado di limitare le perdite in caso di andamento avverso del tasso di cambio”.

Così ha esordito Vincenzo Saccente, co-Head Cross Asset and Public Distribution di Societe Generale in Italia, in fase di emissione di obbligazioni lira turca.

Vale veramente la pena sottoscrivere queste obbligazioni in lira turca? Sono una valida forma di diversificazione dell’investimento con alto potenziale e rischio quasi nullo?

Non ci resta che scoprirlo!

Obbligazione lira turca ecco le caratteristiche

Le obbligazioni in lira turca di cui parliamo in questo articolo sono quotate sull’EuroTLX a partire dal 21 giugno 2018.

Sono State emesse due tipologie di obbligazioni turche. La differenza tra le due obbligazioni lira turca risiede esclusivamente:

  • nel valore delle cedole
  • nella protezione del capitale a scadenza.

Le obbligazioni con codice isin XS1816575457, prevedono una cedola del 10% con protezione del capitale a scadenza del 70% del valore nominale iniziale convertito in euro al tasso di cambio del 15 giugno 2018.

Le obbligazioni con codice isin XS1816566381, prevedono una cedola del 6,5% con protezione del capitale a scadenza dell’80% del valore nominale iniziale convertito in euro al tasso di cambio del 15 giugno 2018.

Queste sono le uniche differenze tra le due obbligazioni lira turca emesse di recente. Tutto quello che leggerai da ora in avanti vale per entrambe le obbligazioni:

  • Queste obbligazioni turche sono emesse da SG Issuer e hanno come Garante Societe Generale. Non si tratta quindi di obbligazioni bei emesse in tal caso dalla Banca europea degli investimenti. Vi è quindi una maggiore esposizione al rischio emittente anche se il rating attribuito a SG Issuer non è male: il rating gira intorno alla “A” per tutte le principali società di rating (Standard and Poor’s, Moody’s, Fitch).
  • Le obbligazioni sono emesse in lira turca, mentre il pagamento delle cedole e del rimborso a scadenza nonché le operazioni di acquisto e vendita sul mercato secondario sono regolati in euro.
  • La durata del prestito obbligazionario è di 3 anni: dal 15/06/2018 al 15/06/2021.

La durata del prestito obbligazionario è ragionevole, il rendimento molto interessante. C’è anche la protezione del capitale….quasi quasi le sottoscrivo..è questo che stai pensando, vero?!

Obbligazioni lira turca: rischio o opportunità?

Istintivamente saresti portato a credere che il rischio è zero! Non sarebbe strano infatti che pensassi in questo modo.

Prendiamo come esempio l’obbligazione lira turca che paga cedole del 10% con protezione del capitale a scadenza, pari al 70% del valore iniziale convertito in euro.

Con tre cedole dal 10% l’una vado a compensare la perdita massima che otterrei se a scadenza, nella peggiore delle ipotesi, dovessi riavere solo il 70% del capitale investito inizialmente. 

Mmhhh..! Mi spiace ma le cose non stanno esattamente in questo modo!

Durante i tre anni le cedole sono esposte all’andamento del tasso di cambio eur/try! Il 10% che ti viene riconosciuto, viene calcolato sul capitale in lire turche e poi convertito in euro.
Ciò significa che se il cambio euro lira turca continua a salire, in euro riceverai meno del 10% e quindi dopo 3 anni, potresti avere accumulato cedole in euro che complessivamente valgono meno del 30% del capitale investito! 

Obbligazioni turche: facciamo due calcoli!

Se analizziamo l’andamento del cambio nell’ultimo triennio, puoi notare come l’euro si apprezzi sulla lira turca in maniera costante e consistente.

andamento cambio EURTRY
andamento cambio EURTRY – grafico settimanale

Il passato non è garanzia per il futuro, sia nel bene che nel male. Tuttavia dare uno sguardo al trascorso può aiutarci ad avere un’idea di ciò che potrebbe succederti se sottoscrivessi queste obbligazioni lira turca!

Dal grafico puoi notare facilmente come il cambio euro/try negli anni 2015-2016-2017, abbia registrato un incremento di questo tipo:

  • 2015 del 25% circa
  • 2015-2016 del 25% + 23,83% = 48,83%
  • 2015-2017 del 25% + 23.83% + 11,22% = 60%

Le tre cedole in euro, supponendo che nel 2015 esistesse un’obbligazione con caratteristiche simili a quelle attuali, sottoscrivendo la quota minima 3.000 try, con un rendimento del 10% sarebbero state:

fine 2015: 300/3.30 = 90,90 euro

fine 2016: 300/4 = 75 euro

fine 2017: 300/4.55 = 65,94 euro

Alla fine del triennio avresti ottenuto 231 euro totali come flussi cedolari. Sarebbero stati sufficienti a coprire la perdita massima del 30% in fase di rimborso del capitale?

NO!

Il valore in euro delle obbligazioni sottoscritte ad inizio 2015, considerando il cambio dell’epoca (2,65), sarebbe stato di circa 1.132 euro. La perdita massima a scadenza (30%) è pari a 339 euro circa!

Il flusso cedolare ti avrebbe permesso di ottenere 231 euro, quindi meno della perdita massima presunta, ottenendo una perdita di circa 108 euro. Ovvero circa il 10% del capitale investito! 

Obbligazioni lira turca: osservazioni ed opinioni

Come hai potuto vedere le cose sono ben diverse da come possono apparire ad un primo impatto! Benché le cedole e la protezione del capitale siano due fattori attrattivi, il rischio di rimetterci quattrini è concreto!Questa forma d’investimento non ti dà nessuna certezza di recuperare almeno il capitale! 

Certo, non è detto che il cambio euro/try debba necessariamente muoversi con questo trend, ma al momento supporre qualcosa di diverso è azzardato!

Stai attento quindi! Non lasciarti influenzare dagli slogan e dai guadagni facili! Nonostante la protezione del capitale offerta all’emittente si tratta di un prodotto la cui rischiosità non va sottovalutata!

Se vuoi imparare ad investire in maniera semplice e senza brutte sorprese, iscriviti al corso GRATUITO investitore smart.

Buon investimento!

2 pensieri riguardo “Obbligazioni lira turca con protezione del capitale: conviene investire?

  • 14 agosto 2018 in 10:08
    Permalink

    Calcolando il crollo attuale, chi ha investito su lira turca a luglio oggi è molto felice …

  • 15 agosto 2018 in 21:24
    Permalink

    Infatti nell’articolo scoraggiavamo questo tipo di investimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.