Ecco il miglior etf obbligazionario paesi emergenti in cui investire!!!

etf obbligazionari paesi emergentiCon i tassi a zero cercare ottenere rendimenti a tasso fisso gratificanti è diventato un miraggio! Se non lo hai già fatto ti consiglio di leggere un recente articolo sull’opportunità di investire nei btp portoghesi 2037

Sono informazioni privilegiate e indispensabili se stai valutando di investire in btp!

Tu che sei un investitore attento a cui non piace accontentarsi, con questi “chiari di luna” certamente stai prendendo in considerazione l’opportunità di investire in etf obbligazionari paesi emergenti in modo da garantirti un rendimento cedolare soddisfacente!

A questo è lecito chiedersi “qual è il miglior etf obbligazionario paesi emergenti in cui investire?!

Il miglior etf obbligazionario paesi emergenti

Sicuramente uno dei migliori etf obbligazionari che investono nei paesi emergenti è:

iShares J.P. Morgan USD Emerging Markets Bond UCITS ETF (IE00B2NPKV68).

Partiamo con il  chiarire che questo etf non è il migliore in assoluto sotto tutti gli aspetti. Tuttavia è da preferire agli altri etf obbligazionari paesi emergenti perchè garantisce un’esposizione molto ampia sui paesi emergenti riducendo così il “rischio paese”.

Se investi nell’etf iShares J.P. Morgan USD Emerging Markets Bond investi contemporaneamente in ben 388 obbligazioni appartenenti ad oltre 40 Stati di paesi emergenti.
L’ottima diversificazione garantisce che all’interno dell’etf il peso delle obbligazioni per singolo paese siamo molto piccolo con punte del 4%.

Esposizioni del 4% si hanno solo per obbligazioni Investment grade. Ovvero emesse da paesi emergenti considerati “sicuri”.
Attualmente le obbligazioni maggiormente presenti in questo etf sono emesse dal Messico seguite dall’Indonesia e dalla Turchia il cui peso è di circa il 4% per ciascun paese.

Altro punto di forza di questo etf  è l’elevata dimensione del patrimonio gestito il cui controvalore in euro si aggira intorno ai  6.772 miliardi.

Questo garantisce un’elevata liquidità dello strumento e quindi anche la possibilità di un ridotto spread tra denaro e lettera.

Ottimo anche il rendimento da dividendo (dividend yield) che attualmente è pari al 4,86%. Un valore di tutto rispetto se si pensa che etf obbligazionari europei di pari durata (l’etf in questione ha una duration di 7,28) hanno rendimenti da dividendi che ruotano intorno all’2%!

Le caratteristiche dell’etf iShares J.P. Morgan USD Emerging Markets Bond

Per evitare di confonderti ti riassumo di seguo le caratteristiche di questo etf obbligazionario paesi emergenti:

  • contenuto rischio paese grazie all’elevata diversificazione. L’etf investe in 31 paesi emergenti ed in 388 obbligazioni ad essi appartenenti. L’esposizione per paese supera il 3% solo per questi paesi le cui obbligazioni sono state etichettate “investment grade
  • patrimonio gestito molto elevato che garantisce liquidità e possibilità di spread tra denaro lettera molto bassi
  • rendimento da dividendo attualmente pari al 4,86%

Beh, a questo punto ti stai chiedendo che investire in etf obbligazionari di paesi emergenti è proprio un buon affare!

Come in ogni scelta d’investimento anche in questo caso dei valutare rischi e benefici! Fino ad ora hai visto i punti di forza di questo etf obbligazionario. Ora passiamo ad analizzare i rischi che ti assumi quando investi in questo etf:

  • elevata volatilità: negli ultimi 5 anni ha registrato una volatilità media del 8%
  • drawndown elevati: il max drawdown è stato quasi del 16%

Grazie all’ampia diversificazione geografica l’etf  iShares J.P. Morgan USD Emerging Markets Bond, riesce a contenere la volatilità e i drawndown meglio dei etf “cugini” che investono nelle stessa area geografica.

Alcuni etf obbligazionari registrano dei drawndown superiori al 20% con volatilità al di sopra del 10%
Ciò nonostante investire in paesi emergenti anche con l’etf esaminato aumenta l’instabilità del portafoglio. Per questo come vedrai tra un minuto la quota da investire su questo etf va ponderata in funzione dall’esposizione azionaria.

Gli elevati rendimenti da dividendi possono essere erosi dalle oscillazioni sfavorevoli delle quotazioni dello strumento.

etf obbligazionari paesi emergenti
rendimenti etf obblgazionario iShares J.P. Morgan USD Emerging Markets Bond

La tabella evidenzia i rendimenti complessivi espressi in euro (inclusi i dividendi) registrati dall’etf esaminato nei diversi anni.

Come puoi facilmente intuire i rendimenti possono essere molto soddisfacenti come è accaduto nel 2014 quando l’etf ha registrato un rendimento superiore al 20%! Ma in altri anni le cose non sono sempre così bene.

Questo significa che quando investi nei paesi emergenti devi avere un orizzonte temporale abbastanza ampio in modo da ottenere un rendimento medio favorevole.

Etf obbligazionari mercati emergenti: ecco come investire!

Come varai bene intuito, scovare l’etf obbligazionario migliore dei paesi emergenti non è sufficiente per investire con successo!

Si tratta solo di un primo passa fondamentale ma non è di certo l’unico!

Per poter ottenere il massimo da questa asset class limitando il rischio devi tener presente:

  • l’elevata  volatilità che questo strumento presenta e quindi non investire una quota troppo elevata del portafoglio se si è già esposti in maniera significativa in azioni o obbligazioni high yield
  • di dover lasciare il capitale investito almeno per un paio d’anni. Meglio ancora avere una valida strategia d’investimento che ti dica quando entrare ed uscire da questi etf in modo da contenere il rischio di perdite elevate.

Se vuoi  imparare ad investire con successo sfruttando le opportunità e limitando i rischi del mercato allora iscriviti subito al corso gratuito “Investitore Smart

Buon investimento!

2 pensieri riguardo “Ecco il miglior etf obbligazionario paesi emergenti in cui investire!!!

  • 22 novembre 2017 in 08:56
    Permalink

    Ciao Roberto, ho letto in questo periodo molti articoli sull’argomento che segnalano anche un altro etf ISIN: IE00B5M4WH52. Ti chiedo se è corretto dividere 50% e 50% la quantità di denaro che vorrei investire su questa asset class tra l’etf ISIN: IE00B5M4WH52 e quello indicato nel post (IE00B2NPKV68). Saluti.

  • 22 novembre 2017 in 12:53
    Permalink

    Ciao Mirco,
    All’etf IE00B5M4WH52 a mio avviso si attribuiscono caratteristiche che non ha. Il fatto che investe in 235 bond non significa che sia quello maggiormente diversificato.
    Di fatti l’etf IE00B5M4WH52 investe in soli 17 paesi dove il peso di ogni singolo Paese può arrivare anche al 10%.
    Molto più diversificato l’etf IE00B2NPKV68 che investe in 388 bond di oltre 40 paesi dove il peso percentuale in media non supera il 5%.
    Oltre il diverso grado di diversificazione un’altra differenza importante sta nel fatto che quello analizzato nell’articolo si espone al cambio euro/dollaro mentre l’altro al cambio tra l’euro e le singole valute locali dei paesi emittenti.
    Potrebbe avere senso investire in entrambi gli etf per diversificare l’esposizione al rischio cambio ma non per la diversificazione geografica visto che quello analizzato nel post investe praticamente in tutti i paesi in cui investe etf IE00B5M4WH52.
    Mi viene però il dubbio che possa esistere un etf obbligazionario paesi emergenti che presenti un maggior grado di diversificazione rispetto all’IE00B5M4WH52.
    Di questo ne parleremo in un prossimo articolo.
    Tieni però presente che individuare l’etf migliore è solo il primo passo. Poi è fondamentale capire quando è opportuno sottoscriverli.
    In tal senso potrebbe aiutarti il nostro servizio Trend & strategie.
    Continua a seguirci!
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.