ETF Obbligazionari high yield, potenziare i rendimenti del portafoglio

ETF obbligazionari high yield

In un post recente ti ho parlato degli ETF obbligazionari con cedola. In quell’articolo avevamo visto che gli ETF obbligazionari con cedola più interessanti rientravano tutti nella categoria degli ETF obbligazionari high yield.

Oggi vediamo in cosa consiste questo strumento. Cosa sono gli ETF obbligazionari high yield? E perché possono rappresentare uno strumento importante per il tuo portafoglio?

Naturalmente, ti spiegherò anche quali sono le controindicazioni di questa classe di investimento.

Cosa sono gli ETF obbligazionari high yield?

Per prima cosa, vediamo in cosa consiste questo strumento.

Un ETF obbligazionario high yield è un ETF che replica un indice composto da obbligazioni ad alto rendimento. Obbligazioni, cioè, che sono sotto il rating investment grade, in passato spesso chiamati anche “titoli spazzatura” (“junk bond” in inglese). Questi titoli obbligazionari presentano un elevato livello di rischio di default, o quantomeno un rischio molto più elevato rispetto alle obbligazioni investment grade.

Questo, comunque, non vuol dire che siano titoli dove i fallimenti sono all’ordine del giorno. Nel 2017 il default rate nel comparto high yield è stato inferiore al 2%. Certo, durante le fasi di recessione il tasso di default aumenta anche notevolmente, ma parliamo comunque di livelli che anche su rating C si aggirano intorno al 25% circa.

A fronte di questo, i rendimenti sono più alti, con uno spread nei confronti delle normali obbligazioni. Spread che ora non è altissimo, ma che durante le fasi di recessione tende ad aumentare notevolmente. E che comunque resta molto elevato laddove i rating sono più bassi.

Un ETF su questo comparto presenta notevoli vantaggi rispetto ai singoli titoli. Infatti, grazie all’elevata diversificazione l’impatto dei default è ridotto e si può portare a casa il vantaggio dei maggiori rendimenti.

Conviene investire in ETF Obbligazionari high yield?

Gli ETF obbligazionari high yield hanno diversi vantaggi. Mettendosi in portafoglio un titolo di questo tipo, si ottiene un mix rischio rendimento a metà strada tra azioni ed obbligazioni.

Infatti, nel periodo 1993-2017 questo è il profilo rischio/rendimento di varie classi di investimento americane:

High yield bond: rendimento 7,77%, deviazione standard: 8,06%

Investment grade bond: rendimento 6,38%, deviazione standard: 5,14%

Large Cap stocks: rendimento 9,69%, deviazione standard: 14,15%

Small Cap stocks: rendimento 9,54%, deviazione standard: 18,55%

Come puoi vedere, gli high yield hanno dato un extra-rendimento di 1,4 punti rispetto ai bond investment grade, a fronte di una volatilità non troppo elevata. Il rendimento non è quasi due punti inferiore a quello delle azioni, a fronte però di una volatilità molto più bassa.

Insomma, uno strumento che rappresenta un buon compromesso tra azioni e obbligazioni.

Investire in ETF Obbligazionari high yield, altri vantaggi.

Ma sarebbe limitativo pensare che il vantaggio sia solo questo. I titoli high yield presentano infatti altri aspetti interessanti.

Ad esempio, rispetto ai normali titoli obbligazionari gli high yield risentono meno dei rialzi dei tassi.

Nel perido 1998-2017, ad esempio, in America ci sono stati 16 periodi di rialzo dei tassi. In questi 16 periodi, il rendimento medio dei Treasury decennali è stato del -5,63%, quello degli high rate bonds il -0,77%, mentre gli high yield hanno guadagnato il 4,86%.

Di fatto, questo comparto è più sensibile all’andamento del ciclo economico che non all’andamento dei tassi. Quando l’economia va male, aumentano i fallimenti e quindi scende la performance degli high yield. Se i rialzi dei tassi avvengono in periodi di espansione economica, invece, il rendimento degli high yield continua ad essere competitivo.

Altro aspetto importante è la bassa correlazione tra high yield, azioni ed obbligazioni.

Fatto pari a 1 un livello di correlazione totale, dove cioè due classi di investimento si muovono esattamente allo stesso modo, la correlazione con le azioni è pari a 0,62, quello con i corporate bond investment grade 0,56, quello con i Treasury 10 anni è -0,08, cioè addirittura inverso.

Concludendo, avendo in portafoglio ETF Obbligazionari high yield puoi ottenere questi vantaggi:

  1. Strumento con buon mix rischio/rendimento
  2.  Impatto minore dell’aumento dei tassi rispetto ai bond investment grade o ai titoli di stato
  3. Bassa correlazione con azioni e titoli di stato

Sicuramente, hai diversi vantaggi da questo strumento. Nel prossimo articolo analizzeremo uno dei migliori ETF obbligazionari high yield.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.