fbpx

ETF inflazione: sono un buon investimento oggi?

ETF inflazione

Gli ETF inflazione conosciuti anche come  ETF inflation linked investono in un paniere di obbligazioni inflation linked.  
Le obbligazioni inflation linked che al di là del nome che può disorientarti, sono semplicemente delle obbligazioni indicizzate all’inflazione. 

Questo significa che il loro rendimento è legato all’andamento dell’inflazione.

Il ragionamento è semplice: più sale l’inflazione maggiore è il rendimento che viene riconosciuto dalle obbligazioni indicizzate. 

E’ uno strumento niente male!

Immagino che adesso ti sarai incuriosito e ti starai chiedendo se di questi periodi possa essere considerato un buon investimento.

I prezzi dei beni per diversi anni  sono stati “fermi” ma nell’ultimo anno qualcosa è cambiato. Continua ad immergerti in questo esclusivo articolo: scoprirai più nel dettaglio il meccanismo di funzionamento delle obbligazioni legate all’inflazione! E soprattutto come comportati oggi con gli etf inflation linked.

ETF inflazione: ha senso comprarli oggi?

Prima hai appresso l’essenza della logica di fondo delle obbligazioni inflation linked. Adesso compierai un ulteriore passa in avanti entrando più nel dettaglio della struttura di queste eccezionali obbligazioni.
E’ fondamentale comprenderne il reale funzionamento in quanto, ti ricordo, che sono alla base di un ETF inflazione.

Un’obbligazione inflation linked ha la cedola base parametrata all’inflazione. Questo significa  che l’obbligazione al momento dell’emissione garantisce un rendimento X che varia in funzione dell’andamento dell’inflazione.

Spesso molti titoli obbligazionari rivalutano all’inflazione non solo la cedola ma anche il capitale. Questo tende a garantire una protezione totale del capitale investito dall’erosione dell’inflazione.

In questo modo, l’obbligazione protegge interamente l’investitore dall’aumento dei prezzi, cosa che non fa un’obbligazione a tasso fisso.

Nell’obbligazione a tasso fisso infatti si percepisce una cedola il cui tasso resta constante. In caso di aumento dell’inflazione il rendimento reale scende!

..allora…tutti a sottoscrivere obbligazioni indicizzate?  Aspetta!!!

In realtà le obbligazioni indicizzate hanno comunque un limite. Se fossero sempre vantaggiose nessuno sottoscriverebbe quelle a tasso fisso, ti pare?!

Le obbligazioni indicizzate ti proteggono dall’inflazione ma prevedono una cedola base più contenuta rispetto a quella di una normale obbligazione a tasso fisso.

Cosa significa tutto questo? che se l’inflazione si mantiene bassa le obbligazioni a tasso fisso sono più vantaggiose!

Adesso ritorniamo al nostro punto di partenza. L’obiettivo di questo articolo è capire se e quando conviene sottoscrivere gli etf inflazione o inflation linked se ti vuoi atteggiare pronunciandolo in inglese!

ETF inflazione: ideali quando i prezzi salgono

Se hai  letto con attenzione quanto detto sopra ti sarai accorto di una cosa. Le obbligazioni indicizzate sono convenienti quando i prezzi dei beni salgono e quindi proprio in questi momenti che vale la pena sottoscrivere  gli ETF inflazione!

Infatti, se l’inflazione sale, i titoli a tasso fisso vedranno erodere rapidamente il loro rendimento per cui gli etf obbligazionari non indicizzati rallenteranno la loro salita. Per contro, i titoli indicizzati  riescono ad adeguarsi immediatamente e questo evento e l’etf inflazione che li contiene registrerà migliori performance.

Viceversa, quando invece l’inflazione scende, allora gli ETF inflazione vedono ridurre la loro velocità di crescita. A beneficarne in questo caso saranno gli etf obbligazionari a reddito fisso.

Ed ora quale è la situazione? Giustamente ti starai chiedendo se ora è il  momento di sottoscrivere etf inflazione!

Beh, l’inflazione è in salita. Attualmente l’ultima rilevazione in area euro ha visto un tasso intorno all’1,89%. L’anno scorso eravamo quasi in deflazione!

Confrontando l’andamento dell’etf inflazione europea (linea nera) con un normale etf obbligazionario (linea rosa) scoprirai subito l’importanza di conoscere il meccanismo di funzionamento di etf inflazione per poterne trarne il massimo beneficio! 

Nel periodo  di espansione dell’inflazione, l’etf inflazione europea ha indubbiamente performato meglio dell’etf obbligazionario  normale!

ETF inflazione confronto

Chiaro, i rendimenti sia dell’etf inflazione che quello a reddito fisso su base annua non sono stati entusiasmanti! I nostri abbonati a trend premium  lo sanno da tempo che gli investimenti obbligazionari in questo momento storico non sono la scelta migliore e che il loro inserimento in portafoglio deve essere ben ponderato nell’ammontare e nel timing!

Attualmente l’inflazione potrebbe salire ancora un po’, visto che siamo ancora sotto il target del 2% previsto dalla BCE. E siamo anche sotto rispetto alla media storica.

L’ETF inflazione potrebbe essere ancora un buon investimento.

Etf inflazione europea: ecco tra quali scegliere

Di seguito in elenco degli etf quotati a borsaitaliana maggiormente scambiati sul mercato:

Come vedi l’offerta è abbastanza ampia. Gli eft inflazione europea qui elencati sono tutti ad accumulazione. Se non hai motivi particolari per sottoscrivere quelli a distribuzione ti consigliamo infatti di preferire questi ad accumulazione che sono dal punto di vista fiscale più vantaggiosi.

Gli etf indicizzati contengo tutti titoli di stato di paesi europei per cui la possibilità che l’emittente delle obbligazioni fallisca è molto contenuta.

Se poi vuoi scoprire come inserire questo strumento all’interno di un portafoglio diversificato, allora iscriviti subito al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.