btp marzo 2032: Conviene investire? Scopri quotazione e rendimenti attuali!

btp-2032

Considerato che i btp a breve scadenza rendono praticamente zero, l’unico modo per scovare qualche rendimento è spostarsi sui btp a lunga scadenza. Vero?!

Btp 2032 e btp2037 sono tra i btp a lunga scadenza sui quali la maggior parte degli  investitori vorrebbe investire e molto probabilmente anche tu!
Il motivo?
Semplice! In una fase di rialzo dei tassi molti pensano che investire ad esempio su un btp 2032 è il modo migliore per raggiungere il compromesso tra rendimento di un’obbligazione e il suo rischio!

Un btp 2047 rende di più ma è percepito come più rischioso! Scadenza esagerata…, penserai!

In realtà le cose sono un pò più complesse di come sembrano! In questa fase storica, investire su un’obbligazione già con una scadenza media, come più volte abbiamo ripetuto, può essere molto rischioso!

Anche sulle scadenze non troppo “eccessive” per qualche decimo di rendimento in più si rischia troppo!

Btp 1,65 marzo 2032: analisi delle quotazioni attuali

Nel grafico sottostane sono riportate le quotazioni del btp 2032. Come puoi vedere, da febbraio 2017 le quotazioni hanno registrato un forte calo di volatilità registrando una concentrazione attorno all’area di 90 circa.

quotazione-btp-2032

In base all’analisi tecnica si è creato un triangolo di continuazione. Secondo questa interpretazione si dovrebbe registrare una continuazione del trend ribassista, per cui questa figura dovrebbe risolversi con una caduta delle quotazioni.

Avverrà?
Non possiamo di certo saperlo! Ma per gli amanti dell’analisi tecnica è certamente un indizio. Per mia esperienza generalmente queste figure generano quasi sempre forti movimenti di prezzo, ma non necessariamente nella direzione del trend. Quindi si potrebbe registrare anche un aumento delle quotazioni del btp 2032.

Btp 1,65 marzo 2032: rendimenti attuali

Quanto rende oggi investire nel btp 2032?!

rendimenti attuali del btp 2032 sono sintetizzati in questo grafico. Coerentemente con l’andamento delle quotazioni, anche i rendimenti da inizio anno hanno registrato un calo di volatilità, concentrandosi intorno al 2%.
Alla data di redazione di questo articolo rendono circa il 2,16%. 

rendimenti-btp-2032
rendimenti-btp-2032

Andamento Btp 2032: cosa conviene fare?

Attualmente il btp 2032 sta registrando un calo di volatilità delle quotazioni che inevitabilmente si ripercuote sui rendimenti che da diversi mesi oscillano attorno al 2%!
Tuttavia, per poterne valutare la convenienza bisogna andare oltre l’attuale contesto.

Pertanto, le conclusioni cui perveniamo non sono tanto diverse da quelle esposte per il btp 2037.

L’unico approccio che teoricamente può farti guadagnare sulle obbligazioni a lunga scadenza è un approccio del tipo” mordi e fuggi”!
Ovvero,  una strategia che cerchi di sfruttare l’aumento delle quotazioni chiudendo l’operazione in poco tempo. A dirla così sembra semplice. Nella realtà, quando si seguono approcci speculativi bisogna dedicare molto tempo all’attività e soprattutto essere disposti a chiudere diverse operazioni in perdita!

In tutti gli altri casi, fino a che  i rendimenti non diventano più allettanti non conviene entrare su queste obbligazioni.

Da cosa dipendono i rendimenti del btp  2032 e più in generale i rendimenti a lunga scadenza?!

Abbiamo più volte detto che essi dipendono solo in parte dai tassi BCE. Un aumento dei tassi delle obbligazioni è fortemente influenzato dalle attese sull’inflazione e quindi dalla crescita economica.

Se inflazione e crescita economica dovessero essere disattesi è molto probabile che si riproporrebbe il problema del debito sovrano!
Cosa succederebbe? A quel punto le quotazioni dei btp crollerebbero perché in molti vorranno liberarsi dei titoli di debito!

Come vedi scenari opposti sembrano produrre le stesse conseguenze!

La questione è che nessuno sa quando i rendimenti dei btp inizieranno a salire, nè il motivo che genererà tale aumento!

Potrebbero passare ancora altri anni: anche 2 se non 3!
Sei disposto a prenderti il 2% per i prossimi 2 – 3 anni e poi a rimanere “incastrato” nelle quotazioni per restanti anni fino alla scadenza!?

Se vuoi  imparare ad investire senza rischiare troppo scarica il corso gratuito “Investitore Smart“!

Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.