Uno dei mercati più economici in questo momento

Quando si investe, è importante avere il trend a favore, ma è anche
importante che le valutazioni siano basse.

Il mix uptrend e valutazioni a sconto è generalmente il cocktail ideale
per ottenere buoni rendimenti.

Attualmente, uno dei mercati più a sconto (e con uptrend) che abbiamo
è quello russo.

L’indice MICEX quota circa 7 volte gli utili stimati per il 2011 e si
consideri che nel 2010 le stime sono state battute di un buon 30%.

L’indice è a sconto di un buon 50% rispetto alla media degli altri
indici dei paesi sviluppati.

Naturalmente sappiamo bene che la Russia non è, e comunque
non è considerato, un paese sviluppato e che a tutti gli effetti
rientra tra gli emergenti.

Ma anche su questo fronte, resta il mercato più economico.

Ovviamente c’è un motivo per questi bassi multipli, il cui
principale è la notevole esposizione al settore minerario e
dell’oil&gas. Settori che hanno buoni motivi per essere
economici, visto che ci sono dei punti interrogativi circa
gli sviluppi e la crescita di queste industrie. Togliendo i
due settori menzionati, molte altre società sembrano
ragionevolmente valutate.

Tuttavia, ritengo che il mercato in questione abbia comunque
notevoli potenzialità. La Russia continuerà ad essere esportatore
di energia soprattutto in Europa e l’Europa certamente non avrà
bisogno di meno energia in futuro.

Inoltre lo sviluppo del paese dovrebbe richiedere più petrolio
e gas anche per uso domestico.

In definitiva, non credo che nei settori in cui l’indice russo ha
maggiore esposizione non ci siano potenzialità di crescita e
quindi i bassi multipli rendono interessante il paese.

Inoltre, la Russia sembra avere attualmente anche un buon “momentum”,
visto che è in rialzo del 23% solo negli ultimi tre mesi.

All’interno del nostro servizio premium Trend e Strategie di Investimento,
abbiamo già un’esposizione sulla Russia con l’ETF Lyxor Russia, su
cui abbiamo un guadagno del 43% in circa un anno. Risultato già di
per se direi eccellente, ma che potrebbe migliorare ulteriormente.

Infatti, una parte importante del guadagno sulla Russia potrebbe essere
già stata fatta, ma a mio avviso, smaltito un po’ di ipercomprato, su una
correzione potrebbe presentarsi una buona opportunità di accumulo per
trarre profitto da una possibile seconda onda di rialzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.