Media mobile esponenziale, una media migliore di quella semplice?

media mobile esponenziale

In passato ti ho parlato spesso di medie mobili e di come usarle per i tuoi investimenti. Ti ho spesso scritto che si tratta di un indicatore piuttosto importante ed utile come supporto per i nostri investimenti.

Quello di cui non ti ho parlato spesso è che esistono diverse metodologie per calcolare le medie mobili.

Oggi, in particolare, ti parlerò della differenza tra media mobile semplice e media mobile esponenziale e dell’utilità di quest’ultima per prendere decisioni di investimento.

Media mobile semplice e media mobile esponenziale: quali differenze?

La media mobile semplice si calcola in modo piuttosto facile. Ad esempio, una media a 10 giorni prende i prezzi di un titolo delle ultime 10 sedute, li somma tra loro e divide poi tale somma per 10. La classica media aritmetica, insomma.

La media esponenziale, invece, è un calcolo molto più complesso.

Ora, questo non è un articolodi statistica e quindi non ci interessa la formula precisa di calcolo. Per di più, si tratta di un indicatore che gran parte delle piattaforme di trading ci calcolano automaticamente.

Quello che invece ci interessa è la sostanza.

La media mobile esponenziale pondera diversamente i vari prezzi, dando a quelli delle sedute più recenti un peso maggiore. Addirittura, nella media mobile esponenziale vengono persino considerati i valori fuori dell’intervallo scelto. Cioè, nell’esempio fatto, valori fuori dai 10 giorni. Solo che questi valori assumono, progressivamente, valori infinitesimali.

Quindi, da un certo punto di vista, la media mobile esponenziale è più accurata della media mobile semplice.

La media mobile esponenziale è un indicatore migliore?

Bene, ora che abbiamo capito le differenze il punto è: “La media esponenziale è un indicatore migliore rispetto alla semplice? Aggiunge qualcosa rispetto alla normale media aritmetica?

Il mio punto di vista è che, in definitiva, la media mobile esponenziale non aggiunge molto rispetto ai segnali che abbiamo con la media semplice.

Di seguito ecco il grafico dell’ETF su S&P500 con media mobile semplice e media mobile esponenziale:

media mobile esponenziale grafico

Come puoi vedere, le differenze sono davvero minime anche su un grafico pluriennale.

L’utilità della media mobile esponenziale è che può essere usata insieme a quella aritmetica per avere una “second opinion” Se la media semplice ti presenta un segnale, puoi vedere se lo stesso è confermato anche dalla media esponenziale.

O, ancora, puoi usare la media mobile esponenziale anziché quella semplice, ma non perché sia chiaramente migliore. Semplicemente puoi usare una in sostituzione dell’altra.

Storicamente la media mobile semplice, soprattutto su orizzonti più lunghi come i 200 giorni, è un valido segnale. Usare l’esponenziale non aggiunge nulla di più. A livello di strategia, di fatto può essere usata nello stesso modo in cui viene usata la semplice.

Le medie mobili sono molto usate all’interno del mio servizio Trend e Strategie di Investimento e in questi anni hanno dato risultati davvero molto interessanti.

Buon investimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.