fbpx

L’espansione dei multipli

Scomponiamo il recente Bull Market

Quale e’ stato il risultato dell’espansione monetaria?

Come sapete, su questo blog sono stato continuanemente positivo
sui mercati azionari ormai da diversi anni.

E ho sempre ritenuto che, da un punto di vista fondamentale
il Bull Market fosse prioritariamente guidato dall’espansione
monetaria posta in essere dalle banche centrali. Prima la FED
e la Bank of England, poi la Bank of Japan e anche la BCE
con il LTRO.

Queste espansioni monetarie hanno avuto ovviamente delle conseguenze
sul mercato azionario, facendo salire le quotazioni.

Perchè le quotazioni sono salite?

Vediamo ora come un aumento della liquidità può contribuire a
far crescere le quotazioni azionarie.

Da un lato, la maggiore liquidita’ può stimolare la crescita
economica, facendo aumentare gli utili reali delle imprese
quotate.

Quindi, creando un po’ di inflazione, la crescita della
moneta aiuta ulteriormente l’incremento degli utili. Questa
volta gli utili nominali.

Nel complesso, quindi, un primo effetto dell’espansione
monetaria è quello di far salire gli utili nominali: in parte
per via dell’incremento degli utili reali, in parte per
via dell’inflazione.

Ma l’aumento della moneta può avere, e nei fatti ha avuto, anche
un altro effetto.

L’aumento del P/E

La maggiore liquidita’ puo’ creare una disponibilità aggiuntiva da
investire in asset finanziari, compreso ovviamente l’azionario.

Questo può generare un aumento dei prezzi superiore all’aumento
degli utili.

In altri termini, si può creare un’espansione del P/E.

E questo è esattamente quanto è successo.

In USA, dall’1 gennaio 2012 ad oggi, il mercato è cresciuto del
32% circa.

Nello stesso periodo, gli utili reali sono cresciuti dell’8%, mentre
il P/E è passato da 12.8 a 17.3.

In altri termini, possiamo dire che sì, gli utili in questo periodo sono
cresciuti, ma comunque gran parte dei rialzi sono da imputare all’espansione
del P/E.

Poiché partivamo da livelli storicamente bassi, attualmente il P/E
non è ancora a livelli eccessivi, quindi non è escluso che possano
esserci ulteriori aumenti.

Tuttavia, va considerato che forse ora una buona parte del rialzo
dovuto al sentiment, all’espansione delle valutazioni, è stato fatto
e su questo elemento non potremo contare più di tanto.

Roberto, il tuo “educatore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.