Johnson & Johnson, uno dei migliori investimenti di lungo termine

Johnson & Johnson

Johnson & Johnson è una società storica del settore farmaceutico e dei beni di consumo.

Fondata nel lontano 1887, il suo nome e quello dei suo prodotti fanno parte della storia del “consumismo” occidentale. Questo permette all’azienda di avere un nome e dei marchi solidi e forti e quindi la possibilità, spesso, di praticare un “premium price” ai suoi prodotti, con tutto quello che ne consegue a livello di margini reddituali.

Oggi vediamo in dettaglio il profilo di questa azienda, anche dal punto di vista degli investimenti.

Johnson & Johnson, una storia ultracentenaria

La società fu fondata da Robert Wood Johnson, James Wood Johnson e Edward Mead Johnson e fin dall’inizio il marchio era molto simile a quello odierno.

I prodotti del comparto “consumer healthcare” furono fin da subito il “nocciolo” su cui si sviluppò l’azienda. Ben presto iniziò anche lo sviluppo internazionale della società.

Nel secondo dopoguerra il gruppo si sviluppò anche grazie ad importanti acquisizioni, quali McNeil Consumer Healthcare, Cilag, De Puy e Actelion.

Queste ed altre acquisizioni hanno portato la società ad operare in 3 grandi divisioni:

  1. Consumer Healthcare
  2. Medical Devices
  3. Farmaceutica

Il settore farmaceutico è il più importante, con un volume di vendite di 36,3 miliardi di dollari, seguito dal comparto medical devices che realizza un fatturato di 26,6 miliardi e, infine, il consumer healthcare con 13,6 miliardi.

A livello geografico, negli USA viene realizzato poco più della metà del fatturato, mentre il resto viene realizzato sul mercato internazionale.

Complessivamente, abbiamo a che fare con un gigante che opera in tutto il mondo, con un fatturato di 76,5 miliardi di dollari.

Investire in azioni Johnson & Johnson

Un investimento su questa società avrebbe ripagato bene ogni investitore.

Ad esempio:

  • 100 dollari investiti nel 1972, con il reinvestimento dei dividendi, sarebbero oggi 11.628 dollari. Un rendimento annuo composto del 10,89%.
  • 100 dollari investiti nel 1992, con il reinvestimento dei dividendi, sarebbero oggi 1.572 dollari. Un rendimento annuo composto del 11,17%.
  • 100 dollari investiti nel 2009, con il reinvestimento dei dividendi, sarebbero oggi 215 dollari. Un rendimento annuo composto dell’8,87%.

Come puoi vedere, il titolo ha dato sempre ottimi rendimenti, anche se nell’ultimo decennio il rendimento è sceso.

Questo non è strano. Man mano che una qualsiasi società cresce di dimensione, diventa più difficile aumentare fortemente e costantemente il valore della società. Al tempo stesso, però, la società diventa più stabile e poco volatile.

Infatti, JnJ è un titolo ideale durante le fasi di discesa del mercato, riuscendo a contenere le perdite rispetto ai titoli più volatili.

Johnson & Johnson rendimento dell’ultimo anno: conviene investire?

Nell’ultimo anno il titolo ha dato, effettivamente, poche soddisfazioni ai suoi azionisti. Ecco di seguito il grafico del titolo:

Johnson & Johnson grafico

Come puoi vedere, l’indice S&P500 ha battuto JnJ di ben 10 punti percentuali. Cosa non strana, perché per quanto detto sopra la società fa meglio quando i mercati sono deboli, ma tende a sottoperformare durante le fasi in cui gli indici sono più “pimpanti”.

La società inoltre vede i ricavi crescere molto lentamente, mentre i profitti per azione sono rimasti stabili negli ultimi cinque anni.

Quindi un titolo che presenta comunque qualche problema, sebbene sia sempre da tenere sotto controllo.

Non a caso, è sempre nel mio radar per il servizio CRESCITA & RENDIMENTO, il mio servizio dedicato interamente all’azionario. Ora e per pochi giorni le sottoscrizioni sono aperte ad un prezzo veramente scontato! Approfittane ora! Clicca qui per scoprire costi e rendimenti! 

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.