fbpx

Investire in azioni adesso? Sì, è ancora un buon momento

Investire in azioni adesso provoca timore, perché gli indici americani sono ai massimi storici e la sensazione di essere in bolla e che presto ci sarà un nuovo “Bear Market” è molto forte.

Personalmente, pur non potendo prevedere il futuro e pur non potendo escludere al 100% questa eventualità, mi sento di dire che non ci sono assolutamente le condizioni per poter parlare di bolla.

Non siamo in bolla, investire in azioni adesso è ancora una buona scelta

Quando siamo in bolla azionaria, ci sono diversi elementi che rendono questa situazione evidente. I due elementi più importanti sono i seguenti:

1 – Le valutazioni sono molto alte rispetto alla media storica

2 – Il sentiment degli investitori è euforico

Attualmente, nessuna di queste due condizione esiste.

Per quanto riguarda il primo aspetto, l’indice S&P500 storicamente ha un multiplo degli utili intorno a quota 16. Attualmente, questo multiplo è a quota 17. Un po’ più alto della media storica, certo, ma veramente possiamo parlare di bolla? Al top del 2000, l’indice S&P500 aveva multipli ben sopra quota 30 e le grandi società del Nasdaq quotavano anche 70-100 volte i profitti.

Non è molto importante il fatto che l’indice S&P500 sia ai massimi, perché nel lungo periodo è normale che un indice azionario salga, grazie al sostegno dell’inflazione e della crescita degli utili. Per tutto il decennio 2000-2010 gli indici azionari non sono riusciti a superare i precedenti massimi, quindi la situazione attuale è più che normale.

Non solo, ma altri indici come quelli europei o anche i mercati emergenti sono ancora sotto ai massimi, quindi a livello globale non c’è sicuramente una bolla.

Per quanto riguarda il sentiment, leggi in giro un grande ottimismo sulla Borsa? Io, sinceramente, no. Sento parlare di economia in crisi, stime al ribasso e molti investitori preoccupati per la prossima discesa. I flussi sull’azionario non sono certo quelli tipici di una bolla.

Tuttavia, dopo i ribassi delle stime dello scorso anno, le società stanno andando piuttosto bene a livello operativo. Molte hanno battuto le attese degli analisti e le guidance, cioè le previsioni per l’intero anno, sono per lo più confermate o alzate.

Perchè investire in azioni adesso è una delle ultime scelte di investimento possibili

A tutto questo, devo aggiungere una nota ulteriore. In questo momento, quale alternativa di investimento ha un investitore? Molto poche.

I metalli preziosi sono interessanti, l’ho scritto più volte. ma è comunque un investimento temporaneo, dove il timing è molto importante. Nel lungo periodo, il rendimento offerto non è competitivo con quello azionario.

C’è poi l’immobiliare, che però è guidato essenzialmente dal basso costo dei mutui e dai prezzi in discesa, per cui si può comprare bene. Tuttavia, non è ancora un momento dove si vende bene. Come ho scritto, al momento l’investimento immobiliare migliore è la prima casa, oppure comprare a prezzi molto bassi con mutuo altrettanto basso, ristrutturare e rivendere. La seconda strada, comunque, richiede delle competenze e del tempo non alla portata di tutti.

Per quanto riguarda i bond, i rendimenti sono prossimi allo zero, e sulle brevi scadenze dobbiamo addirittura pagare noi per il “servizio” che i governi ci fanno nel conservare i nostri capitali.

Con l’azionario, invece, abbiamo si della volatilità, ma attualmente le prospettive di rendimento di un portafoglio diversificato sono ancora molto buone.

Come detto, non posso escludere qualche correzione anche profonda, perché il futuro è ignoto, ma investire in azioni adesso è una delle poche opzioni che vedo possibili per un investitore.

Buon investimento.

P.S.: per investire in azioni nel modo corretto, non ti dimenticare di iscriverti al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.