Hindenburg Omen cos’è, cosa fare e come comportarsi?

hindernburg distaster

In questi giorni su molti siti e testate giornalistiche di settore è ritornato di moda l’utilizzo del termine Hindenburg Omen. Molti analisti hanno lanciato l’allarme di un nuovo Hindenburg Omen confermato!

Ma cos’è l’Hindenburg Omen?  Hindenburg Omen cosa significa? E perché sono tutti allarmati? Giustamente, te lo starai chiedendo!

Sappi che questo termine non evoca nulla di buono! L’Hindenburg Omen è un indicatore tecnico che annuncia un possibile forte “crash” di mercato!

Ma cosa significa Hindenburb Omen? Perchè un nome così complicato per identificare una condizione di mercato?!

Il crash indicator deve il suo nome al dirigibile Zeppelin Hindenburg, che nel 1937 scoppiò poco dopo essersi alzato in volo provocando centinaia di morti!

Un indicatore che “prevede” una catastrofe non poteva avere nome più pertinente!

Hindenburg Omen come funziona

Ma adesso entriamo nel dettaglio è vediamo l’Hindenburg Omen come funziona.

Questo segnale è molto raro. Affinché si verifichi un Hindenburg Omen, infatti, è necessario che si realizzino tutta una serie di condizioni.

Vediamo assieme quali sono:

  1. la prima FONDAMENTALE condizione alla base di  Hindenburg Omen è che si verifichi una forte divergenza sulle quotazioni dei titoli del NYSE. La divergenza si rileva quando in un’unica seduta vi è un consistente gruppo di titoli che registra nuovi massimi a 52 settimane e, contemporaneamente, un gruppo di titoli che invece segna nuovi minimi a 52 settimane. Secondo l’ideatore di questo indicatore si parla di gruppo consistente di titoli quando questi sono pari almeno al 2,2% dei titoli che compongono il NYSE.  Facciamo un esempio: se i titoli presenti nel NYSE sono 3.000, perché sia soddisfatta la prima condizione è necessario che almeno 66 titoli in una data seduta abbiamo raggiunto nuovi massimi a 52 settimane e altri almeno 66 titoli nella stessa seduta abbiano registrato nuovi minimi a 52 settimane. È necessario inoltre che i titoli che registrano nuovi massimi non siano più del doppio dei titoli che registrano i nuovi minimi. Continuando l’esempio precedente, questo significa che i titoli che raggiungono nuovi massimi non possono essere più di 132 (66 x 2)
  2. La media mobile a 10 settimane del NYSE deve essere in salita (rivolta verso l’alto)
  3. L’oscillatore di McClellan deve essere negativo. 

Hindenburg Omen formula complessa?! Assolutamente NO!

Benché la comprensione del meccanismo di funzionamento dell’ Hindenburg Omen non è immediatissima, la logica che sta alla base di tale indicatore è molto semplice.

In condizioni di normalità sul mercato si registrano un numero consistente di titoli che segnalano nuovi massimi annuali ed in questo caso gli indici sono generalmente positivi, o un numero significativo di titoli che raggiunge nuovi minimi annuali. In questo secondo caso, generalmente, siamo dinanzi ad un mercato ribassista con indici in perdita.

Non può essere considerata, invece, una situazione normale un mercato in cui contemporaneamente molte società registrano nuovi massimi ed altre nuovi minimi. Siamo dinanzi ad una forte divergenza di sentiment che porta un numero considerevole di operatori di mercato a prendere posizioni contrastanti. Un mercato del genere è contraddistinto da indecisione, contraddizione ed incertezza. Si sono create le basi per un crash di mercato!

Può capitare di imbatterti in altri articoli che elencano qualche condizione in più o in meno, o in maniera diversa da come l’hai appresa in questo post!

Non preoccuparti. Nel tempo la formula originaria è stata riadattata e rivista. Quindi è normale che le condizioni che leggi in qualche altro articolo possono essere leggermente diverse da queste.

Quello che importa è che la logica di fondo sia rimasta invariata. La prima condizione ad esempio è la più importante! Anche se a dire il vero ho letto altrove che la percentuale dei titoli è del 2,8% anziché del 2,2%!

Quando si verificano tutte le 3 condizioni contemporaneamente in un dato giorno si parla di un Hindenburg Omen “non confermato”.

Per avere Hindenburg Omen “confermato” è necessario che le condizioni si ripresentino entro 36 giorni di mercato dal primo segnale.

Hindenburg Omen come comportarsi? Che paura! Vendo tutto?!

Fino ad ora hai appreso cos’è Hindenburg Omen e come funziona. Ora resta da compiere cosa fare dinanzi ad un evento diabolico come questo!

In questo grafico, puoi notare l’Hindenburg Omen che si è formato sul mercato qualche giorno fa.

Hindenburg Omen giugno 2017
Hindenburg Omen giugno 2017 

Prima di scappare a chiudere tutte le posizioni, continua nella lettura! Sebbene Hindenburg Omen venga associato ad un evento dalle portate catastrofiche, la sua formazione fortunatamente non ha sempre seminato morte e distruzione.

L’analisi degli eventi passati ha dimostrato che dinanzi ad un Hindenburg Omen  confermato:

  • Nel 77% dei casi vi è la possibilità di un movimento al ribasso maggiore del 5%,
  • Nel 41% dei casi vi è la possibilità di un panic selling
  • Nel 24% dei casi che si verifichi un vero è proprio crollo del mercato!

Come vedi, il verificarsi di questo segnale ha “ solo” il 24% di probabilità di generare un vero e proprio crollo di mercato! E’ molto più alta la probabilità che si verifichi una contrazione attorno al 5%

Un mercato così tranquillo non è la “norma”. Con l’avvicinarsi dell’estate statisticamente andiamo incontro ad un aumento della volatilità. Per cui una contrazione del mercato anche maggiore del 5% è del tutto plausibile.

Tuttavia, quali saranno le conseguenze di questo Hindenburg Omen attualmente non lo può sapere nessuno!

Benchè la sua formazione non presagisce un periodo roseo e che tutti i crash dei mercati sono stati anticipati da un Hindenburg Omen, la scelta di chiudere le posizioni non può basarsi solo su questo indicatore. 

Noi continuiamo a seguire la nostra strategia che ha superato con successo anche la crisi del 2008 anticipata da un Hindenburg Omen.

Se hai una strategia valida, allora non preoccuparti del Hindenburg Omen. Continua a seguirla! Se non ce l’hai allora inizia a preoccuparti seriamente!

Buon investimento,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.