ETF FTSE 100: come investire nella Borsa inglese

ETF FTSE 100

La Borsa inglese è una delle maggiori del mondo. E’ infatti il settimo mercato al mondo per capitalizzazione e l’Inghilterra è al terzo posto quale componente dell’indice MSCI World con un peso del 5,84%.

Considerando l’importanza di questo mercato, potresti essere interessato ad investire nella Borsa di Londra.

Oggi ti spiegherò come investire e con quale strumenti farlo.

Indice FTSE 100: l’indice più importante della Borsa di Londra.

L’indice più importante della Borsa di Londra è sicuramente l’indice FTSE 100. Si tratta dell’indice delle 100 maggiori società inglesi.

Le aziende più importanti sono, nell’ordine, Royal Dutch Shell, British Petroleum, HSBC, Vodafone e GlaxoSmithKleine. Queste sono le prime cinque società dell’indice.

A livello settoriale, quello dei servizi finanziari è il più importante, con un peso del 20,48%. A seguire, troviamo il settore dell’energia (16,80%) e dei beni di consumo (16,42%). Ha un peso importante anche il comparto delle materie prime (11% circa). Quindi con un peso di quasi il 28% tra energia e materie prime, questo indice è anche un modo per avere un’esposizione sul comparto delle risorse naturali.

ETF FTSE 100: come investire sull’indice inglese.

Vediamo ora come investire su questo indice.

Naturalmente, il modo migliore per farlo è tramite ETF FTSE 100. Sulla nostra Borsa sono quotati quattro ETF sull’indice FTSE 100.

Gli emittenti di questi quattro ETF sono Ishares, Lyxor, UBS e Vanguard.

Ad oggi, il migliore è lo iShares Core FTSE 100 UCITS ETF (ISIN: IE0005042456). E’ il fondo a maggiore dimensione (7,5 miliardi di euro), costa solo lo 0,07% annuo ed è a replica fisica integrale. L’unica controindicazione è che è un ETF a distribuzione e quindi i proventi del fondo vengono distribuiti e non sono reinvestiti automaticamente.

Subito dopo, per convenienza, troviamo l’ETF Vanguard FTSE 100 (ISIN: IE00B810Q511). Costa lo 0,09%, è sempre a replica fisica e ha una dimensione di circa 3,1 miliardi. Purtroppo, anche questo ETF è a distribuzione.

L’unico ETF ad accumulazione è il Lyxor FTSE 100 (ISIN: LU1650492173). La dimensione del fondo è piuttosto ridotta (solo 311 milioni di euro), il costo è praticamente doppio dell’Ishares (0,15%) e la replica è sintetica.

Non ci sono invece particolari vantaggi nell’ETF UBS FTSE 100 (ISIN: LU0136242590).

Il mio consiglio, tra i quattro, è di scegliere l’ETF FTSE 100 di Ishares. O, come seconda scelta, quello di Vanguard. I costi inferiori, in definitiva, compensano la distribuzione dei dividendi e la necessità di reinvestirli personalmente e non in automatico.

Infine, considera che investendo in un ETF FTSE 100 c’è anche un rischio cambio, perché il sottostante è comunque in sterline, anche se l’ETF è quotato in euro. Tieni conto, quindi, anche di questo aspetto.

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.