ETF azionario svizzero: come investire nel Paese elvetico

etf azionario svizzero

Nell’ultimo articolo ti ho parlato dell’indice MSCI Switzerland 20/35, il principale indice azionario svizzero.

Abbiamo visto le caratteristiche di questo indice, i suoi pregi e anche i suoi difetti, in particolare quello della concentrazione.

Se volessi investire sul mercato svizzero, però, quali strumenti puoi utilizzare?

Beh, oggi te lo spiegherò.

ETF azionario svizzero o singole società?

Per investire sulle azioni svizzere, puoi optare per due soluzioni come in qualsiasi altro mercato azionario.

La prima scelta è quella di investire in singoli titoli. La seconda è operare tramite un ETF azionario svizzero.

La scelta delle singole azioni, in questo caso, è più perseguibile rispetto ad altri mercati.

Infatti, nell’articolo relativo all’indice MSCI Switzerland 20/35 ti ho detto che ben 3 società costituiscono il 56% dell’indice. Questo vuol dire che con solo 3 titoli puoi seguire la performance di oltre il 50% dell’indice svizzero. Una cosa non fattibile in gran parte degli altri mercati.

I tre titoli in questione sono Nestlé, Novartis e Roche.

Comunque, con un ETF puoi controllare l’intero indice svizzero e quindi questa soluzione è comunque da preferire.

Sul nostro mercato non c’è molto, però qualcosa c’è.

Qual è il miglior etf azionario svizzero

Attualmente ci sono 3 ETF svizzeri quotati in Italia:

  1. UBS ETF (LU) MSCI Switzerland 20/35 UCITS ETF (CHF) A-acc (ISIN: LU0977261329)
  2. UBS ETF (LU) MSCI Switzerland 20/35 hedged to EUR UCITS ETF (EUR) A-acc (ISIN: LU0977260941)
  3. Xtrackers Swiss Large Cap UCITS ETF (ISIN: LU0274221281)

I primi due emessi da UBS replicano l’indice MSCI Switzerland 20/35 che ormai abbiamo imparato a conoscere bene.

La differenza è che il primo è quotato in euro ma ha sottostante in franchi svizzeri, cioè la valuta nazionale elvetica, mentre il secondo attua una politica di copertura sul cambio e quindi non subisce l’effetto cambio (anche se ovviamente la copertura ha un costo).

Entrambi gli ETF sono a replica fisica e reinvestono i dividendi. Il primo ha un costo dello 0,20% annuo, il secondo dello 0,30%.

Quale è il migliore tra i due? La preferenza va al primo. Se vuoi investire in Svizzera (così come qualsiasi altro Paese), non puoi evitare di esporti al relativo cambio. Questo, infatti, fa parte dell’economia del Paese e delle relative aziende.

Se l’indice dovesse andare “malino” a causa della forza del franco svizzero (e ricordiamo che questa valuta è storicamente molto forte), il rischio è che avrai una cattiva performance dell’indice, senza il profitto del cambio. Certo, in caso contrario guadagnerai, ma a questo punto ci sono sicuramente Paesi migliori su cui puntare per una forza dell’indice dovuta ad un cambio debole. La Svizzera non è certo il massimo da questo punto di vista.

E il terzo indice?

L’ETF di X-Trackers replica l’indice SMI, un indice di soli 20 titoli svizzeri a maggior capitalizzazione. La composizione è molto simile, i primi tre titoli sono sempre Nestlé, Novartis e Roche e il peso dei tre è del 53% circa.

Come vedi è molto simile. L’unica differenza è che pesa meno Nestlé mentre è maggiore il peso delle altre due società. Un’altra differenza è il maggior peso in quest’ultimo indice del settore finanziario (21% contro il 17% nel caso del MSCI Switzerland 20/35).

Quale etf azionario svizzero scegliere?

Concludendo, il miglior ETF è l’UBS ETF (LU) MSCI Switzerland 20/35 UCITS ETF (CHF) A-acc (ISIN: LU0977261329).

Tutto il resto uguale, questo ETF costa meno di quello di X-Trackers. E negli ultimi 3 anni, grazie ad un minor peso del settore finanziario, la performance dell’ETF UBS è stata del +5,66%, mentre X-Trackers ha perso lo 0,86%.

L’ETF UBS, quindi, è quello da preferire.

Buon investimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.