fbpx

BancoPosta Azionario Euro: caratteristiche, analisi ed opinioni!

BancoPosta Azionario euro

BancoPosta Azionario Euro è un fondo comune d’investimento di tipo aperto di diritto italiano istituito nel 2008! In passato abbiamo analizzato per te altri fondi emessi da Poste Italiane. Li trovi qui!

Si tratta di un fondo di tipo azionario in quanto la maggior parte del capitale raccolto è investito in azioni. Scopriamone caratteristiche, rendimenti e costi. E se veramente conviene investire in questo fondo!

BancoPosta Azionario Euro: caratteristiche, rendimenti e costi

Vediamo subito le caratteristiche del fondo. In particolar modo, cerchiamo di capire come il capitale raccolto è distribuito tra le varie classi d’investimento.

Il patrimonio del fondo BancoPosta Azionario Euro è così suddiviso tra i vari strumenti finanziari:

  • almeno il 70% del capitale raccolto in strumenti finanziari di natura azionaria. Principalmente società ad elevata capitalizzazione ed in via residuale o contenuta società a bassa capitalizzazione. Il fondo investe in tutti i settori economici.
  • una quota non superiore al 10% del patrimonio è investita in OICR azionari coerenti con la politica di investimento.
  • un altro 10% del patrimonio in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria, in depositi bancari. Tutti gli strumenti finanziari sono denominati in euro. Il fondo BancoPosta Azionario Euro, non prevede, pertanto, esposizione al rischio cambio.

Stando a quanto riportato nel foglio informativo il fondo BancoPosta Azionario Euro non investe in paesi emergenti, né in società Americane.

Il fondo utilizza strumenti finanziari derivati sia per finalità di copertura dei rischi sia per finalità diverse da quelle di copertura (tra cui arbitraggio).

Il fondo fa ricorso anche alla leva finanziaria indicativamente compresa tra 1 e 1,1. Il ricorso alla leva, nonostante  possa comportare una temporanea amplificazione dei guadagni o delle perdite rispetto ai mercati di riferimento, non è comunque utilizzata né in maniera costante, né per finalità speculative.

BancoPosta Azionario Euro: rendimenti

Il fondo BancoPosta Azionario Euro da inizio anno ha realizzato una perdita del 14%! Vero, questo 2020 non è stato molto favorevole ai mercati azionari, ed il motivo ci è chiaro. Tuttavia, il rendimento è ancora consistentemente negativo.

Nella tabella sottostante sono riportati i rendimenti anno per anno realizzati dal fondo bancoposta. Nel 2019 il fondo ha realizzato un buon rendimento. Male, direi, il 2018!

Rendimenti annuali Bancoposta azionario euro
Rendimenti annuali Bancoposta azionario euro

BancoPosta Azionario Euro: costi

Dall’analisi del foglio informativo sembra che il fondo non preveda costi di sottoscrizione o rimborso, ma solo costi di gestione. I costi di gestione si aggirano attorno al 1,64% annuo. Un costo a dire il vero non troppo elevato per essere un fondo ad investimento azionario. Ma di certo non economico.

Conviene investire nel fondo BancoPosta Azionario Euro?

Anche se è vero che il fondo analizzato nei 12 anni si esistenza è riuscito solo in pochi anni a battere il mercato di riferimento, non presenta particolari negatività! Negli anni in cui il fondo non ha “vinto” contro il benchmark, comunque non si è discostato troppo da esso.

La questione è che la politica del fondo prevede di investire solo nella zona euro! A nostro avviso, al momento il vero problema è che l’Europa non riesce ancora ad alzare la testa!
Questo rende difficile trovare società performanti e garantire ogni anno ottimi rendimenti! Dato anche il particolare momento storico, a nostro avviso la soluzione migliore è investire diversificando il più possibile l’investimento a livello internazionale!
Mai come ora il servizio Crescita & Rendimento, che investe nelle migliori azioni internazionali, è la soluzione migliore che garantisce il massimo livello di diversificazione.

Prima ti ho fatto vedere i rendimenti del fondo Banco Posta Azionario Euro. Di seguito, invece, ti faccio vedere i rendimenti del nostro servizio Crescita & Rendimento:

2019: +33,29%

2018: +4,52%

2017: +9,89%

2016: +17,85%

2015: +19,34%

La differenza direi che è notevole!

Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.