Azioni Nestle, stabilità e dividendi per gli azionisti

azioni Nestle

Uno dei titoli che storicamente ha offerto ai propri azionisti stabilità e sicurezza è Nestle.

Una società che nel corso degli anni ha dato buoni dividendi ed un rendimento stabile e relativamente costante. Sicuramente un buon titolo per chi vuole dormire sonni tranquilli.

Ma quale è la situazione attuale della società? E’ ancora un buon investimento?

Oggi vedremo insieme le caratteristiche della società a la sua situazione attuale.

Nestlé, un leader mondiale del settore dolciario e alimentare

Nestlé è la più grande società al mondo del settore Food & Beverage, con oltre 2.000 brand ed una presenza in 189 Paesi.

L’azienda ha da pochi anni festeggiato i 150 anni di attività, essendo stata fondata nel 1866. In quel tempo Henry Nestlé, che aveva sviluppato un alimento per neonati che non potevano essere allattati al seno, fondò la società, iniziando a commercializzare il suo prodotto non solo in Svizzera, ma anche nel resto d’Europa. Nel 1905 ci fu la fusione con la Anglo Swiss Condensed Milk Co.

La società ebbe il pregio di sapersi adattarsi rapidamente ai mutamenti di scenario. Durante la Prima Guerra Mondiale, il suo prodotto fu molto richiesto, ma al termine del conflitto la domanda iniziò a scendere per un ritorno al latte fresco. La risposta dell’azienda fu un’espansione nel settore del cioccolato.

Alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, il business dell’azienda si era notevolmente contratto. La società rispose con il Nescafé , che fu fortemente richiesto dall’esercito americano.

Dopo il Secondo Conflitto Mondiale, la società capitalizzò lo sviluppo del mercato di consumo europeo ed americano. Ci sono state, negli anni, molte acquisizioni, tra cui Maggi, Findus (poi ceduta), Carnation, Sanpellegrino, Perugina, Buitoni e molti altri. In questo modo, è stata conseguita la leadership nel settore alimentare, dell’acqua e del beverage.

Non solo, ma nel 1974 fu acquisita parte del gruppo L’Oréal, di cui ancora oggi la società detiene una partecipazione importante, seppur di minoranza.

Azioni Nestle, un ottimo rendimento di lungo termine.

Nel corso degli anni il titolo Nestle ha dato un ottimo rendimento agli azionisti.

Ad esempio, nel 1990 un’azione Nestlé quotava 7 franchi svizzeri (aggiustato per gli split azionari successivi). Comprando 1.000 azioni Nestlé, la spesa sarebbe stata 7.000 franchi, pari a 5.737.970 lire, che al cambio ufficiale lira/euro sarebbero stati 2.963 euro.

Oggi Nestlé quota 81,24 franchi, quindi le nostre 1.000 azioni sarebbero pari a 81.240 franchi. A questo si aggiungono dividendi pari a circa 24.934 franchi. Il totale del valore attualmente disponibile sarebbe quindi 106.174 franchi svizzeri, che al cambio attuale sono 93.433 euro.

Il rendimento annuo composto è pari al 13,11%. E questo è addirittura senza il reinvestimento dei dividendi, che non ho considerato perché, ugualmente, non ho preso in considerazione le tasse sui dividendi.

In ogni caso, parliamo di un rendimento delle azioni Nestlé di sicuro interesse.

La situazione delle azioni Nestle oggi.

Azioni Nestle grafico:

azioni Nestle grafico

Come puoi vedere, il grafico azioni Nestlé degli ultimi due anni non è particolarmente entusiasmante.

Del resto, le vendite del gruppo negli ultimi cinque anni sono state praticamente invariate e l’utile per azione addirittura in leggera discesa.

Una situazione che non promette, quindi, grandi possibilità di crescita. Per ora il dividendo è sempre aumentato, ma ciò non è stato sufficiente a rendere gli investitori particolarmente interessati al titolo.

Complessivamente, Nestlé è un’azienda di sicuro interesse, tuttavia ce ne sono molte altre che presentano maggiori opportunità di sviluppo.

E sono proprio le aziende che seguo all’interno del servizio CRESCITA E RENDIMENTO, che in questi giorni ha riaperto ad un prezzo eccezionale, ma solo per pochissimi giorni! Collegati alla pagina del servizio per scoprire prezzo e rendimenti!

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.