Vanguard etf: sbarcano in Italia i primi 19 etf vanguard!

vanguard etf - etfs - i primi 19 etf su etfplusVanguard etf: è di qualche mese fa il nostro articolo-annuncio che ti metteva in guardia dall’imminente arrivo in Italia di un nuovo emittente di etf.
A distanza di poco tempo quell’annuncio si è trasformato in realtà. A comunicarlo con una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito è stata direttamente Borsa Italiana il giorno 18 gennaio 2019.

Borsa Italiana dà il benvenuto a Vanguard che debutta  oggi in Italia su ETFplus. Si tratta del ventunesimo emittente di ETF sul mercato italiano”.  Queste alcune delle parole utilizzate da Borsa Italiana per accogliere Vanguard.

Con Vanguard, salgono a 21 il numero degli emittente di ETF su ETFplus, segmento di borsa italiana riservato alla compravendita di etfs. Solo negli ultimi 24 mesi sono stati 10 i nuovi emittenti di etfs entrati a far parte del mercato italiano.

Un settore in crescita che consolida il trend positivo in essere ormai da diversi anni. Un settore che attrae investitori istituzionali e che piace sempre di più anche agli investitori privati.

Il 2018 per il settore degli etfs è stato un anno storico:

  • record di controvalore annuo scambiato: 108,9 miliardi di Euro (+11,8% rispetto al 2017).
  • investiti nel solo 2018 nel comparto degli etfs nuovi 6,7 miliardi di Euro
  • a dicembre 2018 l’AUM (valore netto delle attività) degli ETP (Etf, etc, etn) ha raggiunto 66,9 miliardi di Euro.

Numeri allettanti, ma che fanno dell’Italia ancora uno dei paesi fanalino di coda per la diffusione degli etfs. Tuttavia tra i piccoli risparmiatori è innegabile l’esistenza di un accenno di inversione del trend.

Negli ultimi anni è aumentato esponenzialmente il numero di investitori privati che si informa sugli etfs. Grazie anche a servizi di “consigli finanziari” come il nostro, di pari passo, cresce il numero di coloro che sperimenta investimenti in questo settore.

Generalmente si tratta di una esperienza molto positiva, come confermano anche i nostri abbonati. Chi, vincendo i pregiudizi, si avvicina al settore degli etfs difficilmente ritorna ai vecchi fondi comuni d’investimento.

L’offerta Vanguard etfs: i (primi) 19 etfs quotati da Vanguard su borsa italiana

Arrivo in grande stile per Vanguard etfs che debutta in Italia con la quotazione immediata di 19 etfs. Un’offerta da subito variegata, che mette in evidenza in maniera inequivocabile l’importanza strategica che il mercato italiano riveste per tutta l’area europea.

Ora concentriamoci subito sulle attuali offerte dei Vanguard Etf. Attualmente Vanguard etfs offre:

  • 15 etfs a gestione passiva (9 azionari sui principali mercati e 6 obbligazionari sia corporate che su titoli di Stato).
  • 4 a gestione attiva (strategie fattoriali su azionario mondo)

Con la quotazione dei 4 Vanguard etfs, ad oggi, diventano 29 gli ETF attivi quotati su ETFplus. Un settore ancora limitato ma che negli ultimi anni riscuote un’attenzione crescente.

Con lo sbarco su etfplus dei fondi vanguard, il numero degli etfs quotati su borsa italiana tocca 942 unità per un totale di 1257 strumenti. Un’offerta sempre più ampia che fa dell’Italia un paese all’avanguardia in termini di alternative di investimento ai canali più tradizionali.

Vanguard etf: perchè scegliere gli etfs vanguard?

Sicuramente ti stai chiedendo se vale la pena sottoscrive questi etfs. Se hai letto l’articolo che ti ho linkato ad inizio post, hai sicuramente chiaro che uno dei punti di forza di Vanguard, oltre alla professionalità nel settore, sono i costi di gestione molto bassi!

Ma quanto bassi? Per fare un esempio concreto consideriamo un etf sull’indice S&P500. Attualmente su borsa italiana Vanguard etf quota l’etf:

I costi di gestione annua sono pari allo 0,07%. Oggettivamente il costo è basso.

Cosa propongono i concorrenti?

Confrontando l’etf vanguard S&P500 rispetto ai principali concorrenti quotati su borsa italiana, puoi notare come l’etf vanguard offra, a pari merito con Ishares, il costo più basso!

E’ molto probabile che se farai questo “giochetto”, ovvero confronterai il costo dei tuoi attuali etf con quelli concorrenti uscirà fuori almeno un etf simile ma a costi inferiori su cui puntare.

Aspetta però!

Adesso non impazzire! Non è che ora corri a vendere tutti i tuoi etf in portafoglio per comprarne altri più economici! Tieni presente che questo lavoro ha senso farlo se hai un portafoglio almeno di 100.000 euro.

In tutti gli altri casi, è un’operazione che puoi fare con calma. Magari quando vendi un etf perchè te lo impone la tua strategia (mi auguro che tu l’abbia!), al riacquisto metti dentro quello più economico.

Risparmiare sui fondi è importante, ma bisogna trovare il giusto equilibrio. Tieni presente che se i tuoi fondi costassero in media lo 0,10% in più rispetto a quelli concorrenti su un capitale di 100.000 euro, in un anno paghi più commissioni per un controvalore di 100 euro!

Chiaramente il valore si riduce proporzionalmente al diminuire del capitale investito.

Perchè stressarti quando c’è la possibilità che qualcuno lo faccia per te! 😉 Scopri come investire impiegando solo 10 minuti a settimana!
Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.