Prestito titoli cos’è e come funziona? Conviene investire? Quanto rende?

prestito-titoliIl prestito titoli è un’operazione semplicissima che ti consente di prestare gli strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, etf, alcuni derivati) che custodisci sul conto titoli detenuto presso la tua banca, in cambio di una remunerazione.

Attraverso questa operazioni quindi, metti a disposizione di terzi investitori gli strumenti che detieni in portafoglio.

Prestito titoli come funziona?

Molto semplice: una volta che hai accettato di aderire al prestito titoli tutto avviene automaticamente. Non dovrai preoccuparti di fare alcunché!
È la tua banca che, ogni giorno, una volta ricevuto il tuo ok al prestito titoli e tenuto conto delle esigenze provenienti dagli operatori di mercato, fa da intermediario tra te e loro, prestando parte o tutti i tuoi strumenti presenti in portafoglio.

Come vedi il meccanismo di funzionamento è molto banale. Si tratta quindi di un’opportunità di guadagno in più!

Quanto si guadagna con il prestito titoli?

Alcune banche per stimolarti a sottoscrivere il servizio ti mettono in bella vista il rendimento massimo che potresti ottenere. In alcuni casi si parla anche del 5% annuo lordo!

Cavolo! Oggi un btp decennale dà circa il 2,50%! Il prestito titoli è veramente un’ottima fonte d’investimento!

Inoltre, se consideri che durante il prestito titoli comunque potrai continuare a gestire normalmente i tuoi strumenti, risulterebbe una forma integrativa di remunerazione per nulla male!

In realtà si tratta di rendimenti assai improbabili.

Per ottenere quel rendimento i tuoi titoli dovrebbero restare “fuori” dal tuo dossier praticamente per tutto l’anno. Non solo, si dovrebbe trattare anche di titoli poco diffusi e quindi non facilmente reperibili sul mercato, per i quali gli operatori di mercato sono disposti a pagare somme interessanti.

La maggior parte dei comuni piccoli investitori detiene titoli noti e molto diffusi il cui rendimento sul prestito è molto limitato.

Ogni banca, e quindi anche la tua, mette a disposizione un “tariffario” in cui indica per ogni titolo il compenso riconosciuto per il prestito titoli.

Quali rischi per un portafoglio remunerato?

E’ vero, non sarà certamente il prestito titoli ad arricchirti. Ma si tratta pur sempre di un’opzione di guadagno che ti richiede zero impegno!

In realtà nel decidere di mettere a disposizione i tuoi titoli, oltre i guadagni, dovresti considerare anche e soprattutto gli eventuali rischi del prestito titoli.

Eh sì! Una forma di rischio è comunque presente. Vediamo, quindi, subito quali sono i rischi cui ti esponi nel sottoscrivere il prestito titoli.

Tra le condizioni del prestito titoli è previsto che allorquando concedi in prestito i tuoi titoli non cedi alla tua banca solo il possesso temporaneo dei tuoi strumenti finanziari, ma ti privi anche della proprietà!

Tradotto in parole semplici, significa che durante il periodo di cessione dei tuoi titoli, la proprietà degli stessi passa da te alla tua banca!

Ciò significa che seppur per un periodo ristretto di tempo, i tuoi strumenti finanziari rientrano a pieno titolo a far parte del patrimonio della tua banca!

Se la tua banca fallisce proprio nei giorni in cui le hai prestato i titoli, possono essere aggrediti dai creditori della banca stessa.

Eh sì! Bisogna essere proprio sfigati! E’ una possibilità remota per due motivi:

  • salvo casi particolari, prima che “salti” una banca se ne parla per mesi interi. Per cui hai tutto il tempo di bloccare il prestito titoli.
  • il prestito titoli generalmente è limitato a pochi giorni

Benché il rischio sia limitato, da investitore consapevole quale sei, è giusto che ne sia a conoscenza. Per azzerare quasi del tutto il rischio, nei periodi di crisi generalizzata, come l’ultima crisi del 2009, partita peraltro da un fallimento di una grande banca d’affari, puoi “chiudere il rubinetto” e custodire gelosamente i tuoi titoli nel dossier titoli.

Nessuno potrà toccarli!Anche in caso di fallimento della tua banca!

La tua banca funge soltanto da intermediario. Il rischio cui ti esponi è legato alla sola sorte dell’emittente dello strumento finanziario.

Ad esempio se detieni azioni Amazon, il rischio emittente è legato al futuro andamento di Amazon e non di certo a ciò che accadrà alla tua banca. In merito al rischio emittente, ti segnalo questo interessante articolo sul fallimento degli etf.

Prestito titoli: conviene sottoscriverlo?

Non diventerai ricco! Ma se la tua banca ti fa delle proposte interessanti in termini di rendimento un pensiero ce lo puoi fare. Soprattutto se detieni titoli in portafoglio per periodi non brevi.

Se vuoi andare oltre i pochi spiccioli, ti consiglio di iscriverti al corso GRATUITO investitore smart! Imparerai a gestire il tuo capitale in maniera profittevole!

Buon investimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.