Investire in europa con iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility conviene?

etf-iShares-Edge-MSCI-Europe-Minimum-VolatilityIn un recente articolo hai appreso, quali sono i migliori etf europa, ovvero i migliori etf tra cui scegliere per esporti al mercato europeo.

In quel occasione però non ti abbiamo parlato dell’etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility (IE00B86MWN23), preferendo concentrarci sugli etf classici. Non si tratta, infatti, di un etf tradizionale, ma di quelli rientranti nella categoria degli etf smart beta.

Caratteristiche dell’etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility

Qual è la caratteristica di questo etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility?

Si tratta di un etf che investe nella zona Europa con la pretesa di mantenere bassa la volatilità. Questo significa che rispetto ad un etf tradizionale che investe nella stessa area geografica, dovrebbe subire una minor contrazione in caso di caduta dei mercati azionari europei.

La logica di costruzione di questo etf iShares è molto semplice. Vengono scelte soltanto quelle azioni più “tranquille”, ovvero quelle che nel tempo hanno presentato un andamento più stabile. Un criterio di selezione delle azioni, può ad esempio basarsi sul valore della deviazione standard. e/o considerare l’indice beta di ogni titolo azionario.

La deviazione standard e l’indice beta, degli ultimi tre anni sono pari rispettivamente a 0,11% e 1,005. Si tratta, quindi di valori molto contenuti che effettivamente garantiscono una maggiore stabilità dei rendimenti.

Tieni in oltre presente che si tratta di un etf hedged, questo significa che gli investimenti realizzati in valuta diversa dall’euro sono protetti per mezzo di contratti derivati, dalle oscillazioni di cambio.

Non storcere il naso, ti ho detto che questo etf investe in europa, non esclusivamente in euro. E’ quindi normalissimo che vi siano investimenti in valuta estera.

Etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility come si è comportato nel tempo?

Se analizziamo l’andamento dell’etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility nel tempo, notiamo che effettivamente riesce a mantenere le promesse. In periodi di contrazione di mercato è riuscito a contenere le perdite più di quanto non abbia fatto l’etf tradizionale (abbiamo scelto come etf di confronto iShares MSCI Europe UCITS ETF (Acc) ISIN IE00B4K48X80).

Nel grafico sottostante puoi notare come l’etf Minimum Volatility durante il controllo del 2016, abbia resistito meglio dell’etf tradizionale.

etf-iShares-Edge-MSCI-Europe-Minimum-Volatility-vs-etf-iShares-MSCI-Europe-UCITS-ETF
etf-iShares-Edge-MSCI-Europe-Minimum-Volatility-vs-etf-iShares-MSCI-Europe-UCITS-ETF

Conviene investire nell’Etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility?

Dall’analisi su svolta ti verrebbe da pensare che l’etf in questione sia la soluzione ai tuoi problemi! Sicuramente nel grafico in alto non ti è sfuggito che ad oggi il rendimento tra i due etf è molto simile. Anzi, l’etf Minimum Volatility guadagna anche un pò di più!

Che bello! Starai pensando in questo momento!

Aspetta! Aspetta!

Prima di correre a comprare questo etf e poi rimanere deluso, tieni presente che benché sia un etf “protetto” non è assolutamente garantito che in ogni circostanza renda meglio di quello classico!

Nel grafico in basso puoi notare che addirittura nel periodo  ha subito una contrazione più forte di quello tradizionale!

etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility vs etf iShares MSCI Europe UCITS ETF breve termine
etf iShares Edge MSCI Europe Minimum Volatility vs etf iShares MSCI Europe UCITS ETF breve termine

Il motivo può essere legato ad un andamento favorevole dell’euro contro le altre valute europee che ha permesso di compensare parte della perdita all’etf a cambio aperto.

Fenomeno che non si è verificato per l’etf iShares Minimum Volatility, in quando per mezzo di contratti derivati neutralizza nel bene e nel male, l’impatto del cambio sulle quotazioni.

Per quanto l’industria degli etf si stia sforzando nel creare etf “intelligenti”, non esistono etf “everygreen“, ovvero che vadano bene sempre in ogni contesto!

A volte la protezione può essere un limite!

Ma allora questo etf Minimum Volatility è da buttare?! 

Assolutamente no! Questo etf ha comunque dei punti di forza. Nel medio/lungo termine conferisce maggiore stabilità al portafoglio.

Anche se bisogna aver ben chiaro che situazioni contingenti, come dimostrato sopra, in periodi ristretti di tempo, posso generare performance negative peggiori dei un etf tradizionale.

Le condizioni più sfavorevoli per sottoscrivere l’etf iShares Minimum Volatility, data la più limitata reattività dell’etf, sono i periodi di crescita e andamento stabile dei mercati.
In questo contesto potrebbero registrarsi delle performance minori, e quindi la maggiore stabilità tradursi in rendimenti più contenuti. Ad aggravare la condizione è una perdita di valore dell’euro che amplificherebbe i rendimenti in valuta estera, ma che sarebbero neutralizzati dalla copertura valutaria.

Al contrario le condizioni migliori per un etf di questo genere, sono forti contrazioni di mercato ed una forte instabilità del tasso di cambio, o ancora meglio un forte apprezzamento dell’euro, il cui effetto negativo sul rendimento dell’etf sarebbe annullato dalla copertura valutaria.

Il guaio è che nessuno di noi sa come evolveranno i mercati!

Se non sei nuovo di questo blog, sai che ripetiamo in continuazione che la differenza ancora una volta la fa il portafoglio nel suo complesso. E’ la combinazione dei vari etf che rende i tuoi investimenti vincenti o meno!

Se vuoi veramente imparare ad investire con successo sugli etf evitando gli errori tipici degli “investitori della domenica” iscriviti al corso Gratuito INVESTITORE SMART!

 Buon investimento!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.