Vuoi investire bene? Smetti di prevedere ed inizia a prepararti!

Se vuoi investire bene, provare a prevedere il futuro di sicuro non ti aiuterà. E’ una cosa che ho scritto spesso eppure sono ancora in molti che si concentrano su questo aspetto.

Come investire oggi considerando che Hillary Clinton vincerà le elezioni americane? Come investire oggi sapendo che i tassi di interesse probabilmente saliranno?

Queste e molte altre simili sono domande molto più ricorrenti di quanto si pensi.

Per investire bene tutto questo non ti servira’!

Di fatto, nessuno può prevedere il futuro. Un esempio viene proprio da me, quando a giugno scrissi che dati e numeri indicavano chiaramente che la Brexit non ci sarebbe stata. Invece, sai bene come è andata. Il referendum è stato vinto dai favorevoli all’uscita e i mercati subirono subito uno scossone molto forte.

Questo però non mi preoccupò eccessivamente e a distanza di mesi posso dire che i portafogli dei miei servizi premium non hanno avuto nessun problema dalla Brexit. Perché? Semplice, perché ero preparato.

Prevedere il futuro è di fatto una cosa inutile e non migliorerà i tuoi investimenti.

Quello che invece è importante fare è prepararsi. In altri termini, il tuo portafoglio deve essere sufficientemente solido e ben strutturato per proteggersi dagli imprevisti che inevitabilmente, nella tua carriera di investitore, si presenteranno.

I mercati azionari e quelli finanziari in generale nel tempo oscilleranno. Oggi guadagnano, domani perdono, poi risalgono. Diverse classi di investimento avranno rendimenti diversi.

Prevedere chi vince e chi perde è particolarmente difficile, così come è difficilissimo prevedere quando si vince e quando si perde.

Tuttavia, puoi prepararti a difenderti contro tutte queste situazioni strutturando bene il tuo portafoglio.

Prendi ad esempio un portafoglio 60% azioni mondiali e 40% obbligazioni europee, le cui percentuali saranno ribilanciate . Tu non sai quando le azioni e le obbligazioni saliranno o scenderanno. Tuttavia, sai che se le azioni saliranno e le obbligazioni scenderanno, allora venderai un po’ delle prime e comprerai un po’ delle seconde in modo da riportare le percentuali al 60%-40%.

In questo modo avrai preso un po’ di profitto sulla classe di investimento che ha guadagnato e intanto avrai anche comprato un po’ di obbligazioni a prezzi più convenienti, cercando di sfruttare meglio il possibile rimbalzo del periodo successivo. Tutto in automatico e tutto senza bisogno di prevedere nulla.

Alla fine, investire bene non è poi così difficile.

Buon investimento.

P.S.: per scoprire come prepararsi al meglio con il proprio portafoglio iscriviti subito al mio corso gratuito INVESTITORE SMART, dove ti insegnerò strategie e metodologie per migliorare i tuoi investimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.