Fondi Fonditalia: conviene investire in fonditalia core 3?

fondo-fideuram-fondoitalia-core-3Il fondo fonditalia core 3 di fonditalia è classificabile come fondo di fondi. Dal foglio illustrativo scopri chiaramente che il fondo investe in “quote o azioni di fondi“.

Se non lo hai già fatto ti consiglio di leggere questo articolo sulla struttura del fondo fonditalia.
Ora andiamo subito alla scoperta delle più importanti caratteristiche di questo fondo per scoprirne potenzialità e difetti.

Sarà un ottimo fondo in cui investire? Scopriamolo insieme!

Fonditalia core 3: un fondo due classi d’investimento, Classe R (ISIN  LU0349158815) e Classe T (ISIN  LU0388710211)

Come la maggior parte dei fondi rientranti nella grossa famiglia dei fondi fonditalia, anche il fondo fonditalia core 3 è emesso nelle classi:

  • core 3r (codice ISIN  LU0349158815)
  • core 3t (ISIN LU0388710211)

Se analizziamo i rendimenti delle due classi d’investimento notiamo un andamento molto simile. Possiamo, quindi, concludere che differenze sostanziali si riscontrano solo in termini di “segmentazione” della clientela.  Il core 3r è il fondo dedicato a chi dispone di un minimo di capitale. In teoria può aderire al fondo core 3 r anche chi dispone di un capitale da investire di 1.000,00 euro.

Il core 3t è destinato ad una clientela “d’elite” che  dispone di un capitale non inferiore ai 2 milioni di euro.

Un’ulteriore differenza emerge sul piano dei costi. Ma di questi te ne parlerò più avanti. Ora concentriamoci sulle caratteristiche del fondo fonditalia core 3 indipendentemente dalla classe d’investimento.

Fideuram core 3: tutte le caratteristiche del fondo

Il fondo fonditalia core 3 è il fondo del raggruppamento “core” di fonditalia (composto dai fondi core 1, core 2 e core 3) maggiormente “aggressivo”.

Tra i tre fondi della classe “core”, il fondo core 3 prevede una maggior esposizione al comparto azionario. La parte investita in obbligazioni rappresenta in media solo il 30% del capitale investito fino a ridursi al 10%.

Su una scala di rischio che va da 1 a 7, al core 3 è stato attribuito un punteggio pari a “5”. Questo significa che il rischio d’investimento associato è “medio-alto”.

Al contrario il fondo core 1 investe prevalentemente in obbligazioni. Per questo è definito fondo bilanciato obbligazionario con un’esposizione media su quest’ultimo comparto del 70% delle masse gestite. L’esposizione obbligazionaria non ha limiti, mentre quella azionaria può arrivare ad un massimo del 50%.

Il fondo core 2 rappresenta, invece, una scelta intermedia. Tale fondo investe con una percentuale molto prossima al 50% sia nel comparto azionario che obbligazionario. L’esposizione al mercato azionario può raggiungere un massimo del 70% del valore del comparto.

Di seguito, più dettagliatamente le caratteristiche del fondo core 3:

  • è espresso in Euro
  • investe in quote o azioni di fondi (fondo di fondi)
  • investe in attività a basso rischio e pronta liquidabilità
  • investe azioni di  tutto il mondo, prevalentemente quotate nelle Borse valori o negoziate in  altri mercati regolamentati in misura non superiore al 90% degli attivi netti  del fondo (definito da fonditalia “Comparto”)
  • investe in obbligazioni di emittenti governativi e privati senza limitazioni
  • investe in obbligazioni convertibili e strutturate;
  • investe fino al 10%  del patrimonio netto in fondi speculativi, fondi di fondi speculativi, fondi  che investono in materie prime e fondi immobiliari (Fondi Alternativi), alle  condizioni indicate nel Prospetto del Fondo
  • Il Comparto può  investire in strumenti derivati sia a fini di copertura dei rischi sia a fini  di investimento.

Fonditalia core 3: analisi e quotazioni

Di seguito puoi notare l’andamento delle due classi (core 3r e core 3 t) del fondo fonditalia core 3. Il fondo non si è mai discostato troppo dal rendimento del benchmark, tuttavia sono rare le volte in cui è riuscito a superarlo generando per l’investitore un extra-profitto.

andamento-fondo-fonditalia-fideuram-core-3
andamento-rendimenti fondo fonditalia fideuram core 3 da data di lancio (2008)

Il gestore dichiara che i rendimenti sono al netto di tutti i costi e commissioni. Per nostra esperienza c’è sempre una parte di costi che per un motivo o altro viene conteggiata solo in fase di liquidazione delle quote.

Tieni inoltre presente che i rendimenti in ogni caso non tengono conto dei costi di sottoscrizione. A quanto ammontano questi costi?

Scoprilo nel prossimo paragrafo!

Fideuram fonditalia core3: analisi dei costi

Il fondo fideuram core 3 prevede i seguenti costi.

Costi di sottoscrizione: 

  • una tantum all’atto della sottoscrizione del fondo: 3,80% (valgono sia per il core 1r che per il core 1t)
  • non sono previste commissioni di rimborso

Spese correnti: 

  • core 3r: 3,09% annuo
  • core 1t: 2,43% annuo
  • nessuna delle due classi prevede commissioni di performance

Fondo fonditalia core 3: opinioni, conclusioni e alternative d’investimento

Vale la pena investire nel fondoitalia core 3?

Siamo sempre molto restii a consigliare di investire in fondi. Non si tratta di pregiudizi, il motivo è semplice. Negli anni passati abbiamo investito in prima persona in questi strumenti che per anni hanno rappresentato l’unica forma d’investimento per i piccoli risparmiatori.

E’ inutile dirti che le delusioni sono state tante! Che senso ha investire in un fondo se i costi sono quasi sempre elevati e il rendimento nel migliore dei casi è simile a quello del benchmark?

Come vedi, il fondo fideuram core 3 non fa eccezione a questa regola!

Se sei stanco di pagare un botto di commissioni e di avere continue delusioni sui rendimenti, allora non ti resta che approfittare della PROMO, attiva ancora per pochissimi giorni, riservata al servizio Crescita & Rendimento.

Un servizio che ti permette di investire in maniera semplice e trasparente nelle migliori azioni mondiali!

Buon investimento! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.