fbpx

Una grande istituzione finanziaria rivela chi sono i suoi investitori migliori

Fidelity è una delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo ed offre ai suoi clienti vari servizi di investimento, tra cui fondi pensione, conti trading, ecc…

Recentemente, questa grande istituzione finanziaria ha rivelato quali sono i suoi investitori migliori. Cioè, monitorando i conti dei suoi clienti, la società ha reso noto quale tipologia di investitore ha il miglior bilancio.

I risultati sono a dir poco esilaranti.

Gli investitori migliori: un risultato sorprendente, ma non troppo

Veniamo al sodo ora.

Sai quali sono risultati gli investitori migliori? Gli investitori deceduti, i cui eredi avevano lasciato aperto il conto probabilmente dimenticandosene.

Vuoi sapere chi è risultato al secondo posto?

Gli investitori che si erano dimenticati di avere un conto presso Fidelity.

Ecco che puoi trarre subito una conclusione e cioè che:

Gli investitori migliori sono quelli che non muovono il loro portafoglio

In confronto, tutti i clienti che fanno day trading o muovono molto il portafoglio hanno fatto peggio.

La cosa può sembrarti strana, eppure non lo è affatto. Nel mondo degli investimenti, l’inattività paga quasi sempre più dell’attività sfrenata.

Questo risultato era emerso anche in una ricerca di Richard Bernstein secondo cui nel ventennio 1993-2013 l’investitore medio, con tutta la sua attività, aveva ottenuto un rendimento poco sopra il 2%, mentre il semplice indice azionario S&P500 aveva fatto più del 9%.

Anche in questo caso, chi avesse semplicemente deciso di comprare l’indice S&P500 tramite un fondo a basso costo o ETF, avrebbe fatto meglio dell’investitore medio che fa trading senza un piano preciso.

Conclusione: chi sono gli investitori migliori?

Beh, a questo punto credo ti sia tutto chiaro. Gli investitori migliori sono quelli che operano poco, che hanno un piano e lo seguono scrupolosamente.

Questo non vuol dire stare proprio completamente fermi per sempre. Il semplice “Buy and Hold” a volte può essere dannoso e le perdite temporanee che esso comporta possono essere ridotte.

Tuttavia, normalmente non c’è motivo di fare molte operazioni ogni settimana, perché i movimenti più facilmente prevedibili e chiari si presentano saltuariamente, spesso non più di due o tre volte l’anno.

Se vuoi sapere come entrare a far parte degli investitori migliori, quelli che fanno poche operazioni ma giuste, iscriviti subito al mio corso gratuito in 7 email INVESTITORE SMART. Imparerai come elaborare un piano per le tue finanze, come implementarlo al minor costo e come gestirlo al meglio nel tempo.

2 pensieri riguardo “Una grande istituzione finanziaria rivela chi sono i suoi investitori migliori

  • 18 aprile 2016 in 15:54
    Permalink

    Buongiorno Roberto,
    è impossibile non concordare con questo post e con gli altri che lo hanno preceduto: cioè non farsi prendere dal panico e movimentare poco i propri portafogli. Ma allora perchè tante persone, tanti investitori fanno il contrario andando incontro a risultati negativi? A mio avviso ci sono 2 fattori che influenzano queste scelte errate: alzi la mano chi non è subissato da mail che promettono guadagni stellari con forex, opzioni binarie e altre cose del genere? E poi c’è questa incessante volatilità che instilla emotivamente e psicologicamente la sensazione di aver perso il momento “giusto”, per cui viene fuori quello “spirito animale” del quale parlavi tempo fa, che induce a comprare tutto e a tutti i costi. Penso che il vero nocciolo della questione sia, che piaccia o no, sempre la finanza comportamentale.
    Un saluto, Andrea

  • 20 aprile 2016 in 18:00
    Permalink

    E’ proprio così, l’aspetto più importante è proprio quello comportamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.