Investire in Borsa

Azioni Enel: prospettive, previsioni e target price 2017 dopo le trimestrali Q2

In questi giorni sono in pubblicazione i dati di bilancio del secondo trimestre delle principali società quotate. Durante la settimana scorsa sono stati resi noti i dati di diverse società italiane, Enel compresa.  Tra gli investitori in azioni Enel non può, quindi, mancare la classica domanda:

Quali le previsioni e il target price 2017 per le azioni Enel? In altre parole: Fino dove si spingeranno in questo 2017 le azioni Enel?

Come ben sai il futuro non si prevede!.

L’avere a disposizione dati di bilancio aggiornati può certamente aiutarci ad azzardare qualche previsione e considerazione sulle azioni Enel. Se sei un nostro assiduo lettore sai che non è la prima volta che scriviamo in merito al titolo Enel.

Nell’ultimo articolo le azioni Enel presentavano buone prospettive. Cosa è cambiato da allora? Scoprilo in questo post!

Prospettive titolo Enel: cosa è cambiato dopo i risultati del primo semestre 2017?

Enel chiude positivamente il primo semestre del 2017:

  • I ricavi ammontano a 36.315 milioni di euro, registrando un +6,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
  • L’utile netto ordinario di Gruppo si attesta sui 1.809 milioni. Un aumento del 3,8% rispetto all’utile registrato un anno fa.
  • L’Ebitda registra una flessione dello  4,7% portandosi a  7.678 milioni.
  • Il risultato operativo netto (risultato del business principale) si è attestato a 4,85 miliardi di euro, con una diminuzione del 6,8% rispetto a quanto registrato un anno fa.
  • L’indebitamento si è attestato a 38.826 milioni, rispetto ai 37.553 milioni di fine 2016, registrando così un incremento del +3,4%.

I dati del primo semestre se letti in un quadro d’insieme sono certamente positivi e lasciano ben sperare sul futuro del titolo. L’aumento dei ricavi e dell’utile sono due elementi imprescindibili per un’evoluzione positiva per la società e per le quotazioni del titolo Enel.

Se la società riuscisse a migliorare il risultato operativo che nei primi sei mesi è risultato in contrazione rispetto all’anno precedente e a diminuire o mantenere stabili i debiti le prospettive per il titolo sarebbero brillanti!

In realtà l’aumento dell’indebitamento sembra essere sotto controllo e già parte integrante del piano industriale del prossimo triennio.

La società enel ha infatti previsto, oltre ai 5 miliardi di dollari di bond collocati lo scorso Maggio, di emettere altri altri bond per complessivi 8 miliardi.

Il direttore finanziario, Alberto De Paoli, ha chiarito che il previsto aumento dei tassi d’interesse rappresenta un problema soltanto marginale, in quanto il costo del finanziamento per i successivi 8 miliardi è stato già fissato con contratti di swap per 1%. Il costo del finanziamento complessivo dei 13 miliardi risulterebbe quindi non superiore al 2%.

L’emissione dei bond ha come obiettivo:

  • ristrutturare il finanziamento con l’obiettivo di abbassare il costo medio del debito
  • avere risorse sufficienti per portare a termine i nuovi investimenti
  • assicurare flussi di cassa per pagare i dividendi.

Azioni Enel: i nuovi target price 2017 delle principali banche d’affari e analisti

Il mercato sembra aver colto positivamente le sfide che Enel che si è posta con il piano industriale dei prossimi tre anni:

  • abbassamento del costo del debito
  • ampliamento del business nelle rinnovabili, nell’efficienza energetica e nella mobilità elettrica

Le azioni Enel al momento si sono portate sui livelli del lontano 2011. Sempre lontani dai livelli massimi raggiunti prima della crisi del 2008. Tuttavia, per le azioni Enel sembra essere passato il” brutto tempo”. Secondo le previsioni delle più note banche d’affari la soglia dei 5 euro per azione dovrebbe essere battuta agevolmente.

I target price 2017:

  • Equita sim hanno alzato da 4,7 euro a 5,65 euro il prezzo obiettivo su Enel, in seguito al miglioramento delle stime sulla redditività per i prossimi esercizi. L’indicazione è “buy“.
  • Exane, che ha aumentato da 4,9 euro a 5,1 euro il target price del titolo Enel. Secondo l’Exane il titolo nei prossimi esercizi farà meglio del mercato. Giudizio “outperform”.
  • Gli analisti di Berenberg hanno alzato da 4,5 euro a 5,75 euro il target price su Enel. Giudizio “buy“.
  • Macquarie alza il target price da 4.8 € a 5,3 euro. Giudizio “outoperform
  • Goldman Sachs alza il target price da 5.7 euro a 6,1 euro. Giudizio “buy” confermato. Enel è nella select list degli analisti della banca d’affari.

 

Comprare azioni Enel conviene?

Le prospettive per il titolo Enel al momento sembrano buone. Il piano industriale è molto ambizioso e prevede tante sfide!

Per chi è alla ricerca di un titolo stabile con buone possibilità di crescita e capace di dare anche un buon rendimento, il titolo oggi riconosce un dividendo superiore al 3%, le azioni Enel sono da prendere in considerazione.

Nelle compagine societaria di Enel sta aumentando la presenza di investitori e fondi pensione americani. Un aspetto sicuramente positivo testimonianza dell’aumento di fiducia che sta riscuotendo sui mercato estero.

Anche se è da evidenziare che BlackRock ha liquidato qualche posizione portando la sua attuale presenza al 4,99% della capitalizzazione.

Ricorda sempre che non devi mai investire tutto il tuo capitale, o gran parte di esso su un solo strumento.  Non esiste uno strumento vincente ma una strategia vincente!

Le previsioni e le analisi per quanto scrupolose ad analitiche possono essere disattese per qualsiasi motivo:

  • incapacità dell’azienda di portare a termine il piano industriale
  • cambiamenti geopolitci ecc. ecc.

Da qualche mese abbiamo inserito il titolo nel nostro portafoglio Income presente nel servizio Trend & Strategie d’investimento. L’inserimento in portafoglio di questo titolo rientra in  una strategia consolidata e ben chiara.

Tu ce l’hai?!

Buon investimento.

Lascia un commento

Il tuo commento*

Your Name*
Your Webpage